facebook rss

Il Piano avrà il suo centro di quartiere

ANCONA - Il progetto, fortemente voluto da Comune, Erap, associazione nazionale carabinieri e il nucleo Volontariato e Protezione Civile di Ancona si propone di integrare i residenti curando in particolar modo le condizioni di vita dei cosiddetti ultimi
Print Friendly, PDF & Email

Piazza d’Armi (Archivio)

di Antonio Bomba

Piano, via al centro di quartiere. Obiettivo? promuovere iniziative di coesione sociale e territoriale. Sede? L’ex Iacp in piazza d’Armi.
Ad annunciarlo questa mattina in conferenza stampa a palazzo del Popolo il sindaco Valeria Mancinelli, il vicesindaco Pierpaolo Sediari, l’assessore alla sicurezza Stefano Foresi e i rappresentanti delle associazioni che collaboreranno a questa iniziativa: l’Erap Marche con Maurizio Urbinati, la sezione di Ancona dell’associazione nazionale carabinieri rappresentata dal presidente di Sezione sottotenente Tiziano Franco, dal generale Tito Baldo Honorati e il nucleo di Volontariato e Protezione Civile di Ancona che ha visto la presenza del legale rappresentante Francesco Beani.
In questo progetto fortemente voluto dal Comune nella sua opera di riqualificazione e rilancio del quartiere del Piano, ognuno farà la sua parte fornendo il necessario contributo alla riuscita dell’iniziativa. Perché la collaborazione tra le quattro entità nasce per implementare e favorire, giorno dopo giorno, quanti più rapporti di civile e serena convivenza ed eliminare disparità, diseguaglianze ed emarginazioni. E, le associazioni che opereranno sul posto, si propongono di diventare a suon di azioni e nel minor tempo possibile come un autentico punto di riferimento per tutti ma, soprattutto per fragili e vulnerabili. Diverse le iniziative previste e che verranno annunciate di volta in volta in cui si cercherà di coinvolgere quanti più residenti possibili.
E, particolarità non da poco, l’Erap ha concesso a carabinieri e Nucleo Volontari il locale sito al civico numero 12, di loro proprietà, in comodato gratuito.
«Il centro di quartiere – ha spiegato Sediari – garantirà una presenza attiva e propositiva all’interno di uno dei quartieri più importanti di Ancona, non solo per le potenzialità legate al radicato valore storico e commerciale dello stesso»
«Alla seconda Ancona – ha proseguito il collega di giunta Foresi – questa amministrazione sta dedicando un’attenzione continua, che si concretizza sia con interventi strutturali, sia con interventi che garantiscano l’inclusione e la coesione sociale”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X