facebook rss

Famiglia dispersa sotto la slavina,
veglia di preghiera ad Osimo

LA SPERANZA - Rosario alla basilica di San Giuseppe per il poliziotto del commissariato Domenico Di Michelangelo, sua moglie Marina Serraiocco e il loro bambino di sei anni. Erano all'hotel Rigopiano per una vacanza e non si hanno ancora loro notizie. Sospesi gli spettacoli a teatro nel week end
venerdì 20 Gennaio 2017 - Ore 11:35
Print Friendly, PDF & Email

 

La veglia in chiesa

 

Domenico, Marina e il loro bambino

Una veglia di preghiera è stata organizzata questa mattina, ad Osimo, per Domenico Di Michelangelo, sua moglie Marina Serraiocco e il loro bambino di sei anni. L’intera famiglia, originaria dell’Abruzzo ma residente nella città dei senza testa, è ancora dispersa dopo la slavina che si è abbattuta nell’hotel Rigopiano di Farindola (leggi l’articolo).

Alle 10 padre Duilio Carletti, sacerdote della basilica di San Giuseppe da Copertino, ha iniziato il rosario. In chiesa si sono riuniti i commercianti del centro, colleghi della donna dispersa che ha un negozio di bomboniere in centro, il sindaco Simone Pugnaloni, il vice sindaco Mauro Pellegrini. Osimo prega che la famiglia sia ancora viva.

L’Assessorato alla Cultura del Comune di Osimo ha, inoltre, deciso di sospendere per il week end il cartellone degli spettacoli Form, La Sirenetta e Artemisia, previsti al Teatro la Nuova Fenice, per sabato 21 e domenica 22 gennaio. Sono stati tutti rinviati a data da destinarsi. Intanto ieri i soccorritori hanno raggiunto l’hotel e sono entrati all’interno in cerca dei dispersi (oltre ai tre di Osimo le Marche conta altri 4 dispersi sotto la slavina).

Dispersi dopo la slavina: Osimo prega per Marina, Domenico e il loro bambino

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X