facebook rss

San Domenico riapre
sei mesi dopo il sisma,
ma solo due ore al giorno

ANCONA – Il Comune ha riaperto temporaneamente il luogo di culto di piazza del Papa per consentire le funzioni religiose. Serviranno i lavori di ristrutturazione in seguito ai danni subiti dalle scosse di terremoto di ottobre
Print Friendly, PDF & Email

 

 

A sei mesi dalle scosse di ottobre che hanno obbligato la chiusura al pubblico, il Comune ha riaperto la chiesa di San Domenico in piazza del Papa. Non ci sarebbero pericoli immediati per la struttura, ma il luogo di culto resterà aperto solo negli orari strettamente necessari allo svolgimento delle funzioni religiose. Le messe sono riprese domenica 23 aprile. Una riapertura parziale dunque e pensata in particolare per i fedeli del centro storico, i turisti dovranno aspettare che la chiesa torni completamente agibile per poterla visitare anche negli orari al di fuori delle celebrazioni. Il Comune ha fatto richiesta di accesso ai finanziamenti regionali per la ricostruzione “leggera” dei danni causati dallo sciame sismico di agosto e ottobre. I lavori sono nell’ordine dei 150 mila euro, l’ingegnere Paolo Guidi è stato incaricato di presentare il progetto dell’intervento. Sarà necessario un cerchiaggio dell’abside e l’installazione di una rete protettiva lungo tutta la navata centrale, contro l’eventuale distacco di pezzi di intonaco. Per ora dunque la chiesa di San Domenico sarà visitabile durante i giorni festivi durante i riti delle 9,45 delle 11,30 e delle 18,30, mentre i feriali alle 8 alle 18,30.

(E. Ga.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X