facebook rss

L’edizione di Spilla
dedicata a Danilo Tornifoglia
con Rag’n’Bone Man e The Lumineers

ANCONA - Due artisti di di fama internazionale ad aprire e chiudere la rassegna di concerti alla Mole. Il festival quest'anno, un omaggio in ricordo al noto oste di Strabacco, il ristorante-teatro che è stato palco e rifugio accogliente per cantanti, attori e poeti
martedì 9 Maggio 2017 - Ore 17:52
Print Friendly, PDF & Email

The Lumineers, il gruppo che chiuderà l’edizione 2017 di Spilla

 

di Agnese Carnevali

Si annuncia come una delle migliori edizioni di sempre, la rassegna Spilla 2017. Due artisti di fama internazionale ed alla ribalta delle classifiche a segnare l’apertura e la chiusura del festival. Un cartellone “trasversale”, per usare le parole del suo ideatore e curatore Eric Bagnarelli, contaminato anche da altre arti oltre a quella della musica. Un’edizione speciale. Perché trae ispirazione dalla volontà di inserire la manifestazione all’interno del nuovo progetto culturale della Mole di Ancona. Ma soprattutto perché dedicata a Danilo Tornifoglia, l’indimenticato ed indimenticabile oste di Strabacco, il ristorante-teatro di via Oberdan, morto improvvisamente a dicembre 2015. «Un piccolo gesto per una persona a me molto cara – le parole di Bagnarelli -. Non vuole essere un concerto alla memoria, ma un’idea che abbiamo voluto condividere con sua moglie Nadia. Come Comcerto faremo una donazione autonoma alla fine della rassegna alla Lega del Filo d’Oro a cui Danilo era molto legato ed il pubblico avrà la possibilità di fare lo stesso. Danilo – aggiunge – era per me più di un oste, era un fondamento della scena culturale anconetana. Un amico che ha sempre creduto in me, nella Comcerto e in Spilla». Commossa la vedova Nadia. «Mio marito sarebbe stato felicissimo di sapere di questo pensiero che avete avuto e di certo avrebbe partecipato. Tengo ancora in vita la sua pagina facebook perché in molti ancora scrivono. Qualcuno lo ha definito come una chioccia pronta a coccolare tutti, penso che avrebbe amato questa definizione». Tanti gli artisti, musicisti, attori, poeti che hanno trovato ospitalità tra le mura del suo ristorante, non solo per gustare un buon piatto ed un buon bicchiere di vino, ma anche per esibirsi. Molti, come ricorda ricorda l’assessore alla Cultura Paolo Marasca, anche «gli operatori culturali che si sono rivolti a lui e che ora sentono questo senso di mancanza. Abbiamo molto apprezzato l’idea di Eric».

La presentazione del cartellone 2017 di Spilla. A sinistra la vedova di Danilo Tornifoglia, Nadia, Eric Bagnarelli curatore della rassegna, Raimondo Arcolai dell’Amat e l’assessore alla Cultura, Paolo Marasca

Non solo la particolare dedica, a rendere speciale l’undicesima edizione della rassegna, le proposte. Innanzitutto il raddoppio dell’headliner, con due pezzi da 90. The Lumineers che chiuderanno il festival martedì 11 luglio, data fissata in cartellone dallo scorso novembre, che ha regalato ad Ancona la ribalta nazionale con parecchi mesi di anticipo. Strategia che ha portato anche all’avvio delle prevendite con largo anticipo. Finora 1500 i biglietti venduti, ne restano altri 500 grazie per una platea da 2 mila posti (in piedi) possibile grazie ad alcune richieste straordinarie di ampliamento della capienza della corte della Mole vanvitelliana, scenario della performance. «Il 40 per cento delle persone viene da fuori regione con casi anche di biglietti venduti all’estero – sottolinea Bagnarelli -. Questo ha avuto ricadute positive anche sull’indotto della città. Molti gli hotel pieni già dal weekend precedente, visto che il concerto è infrasettimanale». L’altro big è Rag’n’Bone Man che aprirà la rassegna lunedì 19 giugno sempre alla corte della Mole. Sulla vetta delle classifiche con la sua Human trasmessa in tutte le radio, l’artista è prossimo all’uscita del suo nuovo singolo. «Ma tutto l’album è un lavoro ottimo e non sarà un cantante da un singolo e basta – precisa Bagnarelli -. Abbiamo già visto il suo spettacolo ed è davvero molto bello». A completare la line up di Spilla Lucy Rose, il 22 giugno che presenterà al Canalone della Mole il suo cortometraggio, overtoure del concerto, prima di salire sul palco al Lazzabaretto (ingresso libero). Poi Wrongonyou, a dispetto del nome, artista romano molto promettente che si esibirà al Lazzabaretto (ingresso libero) ed infine Soley, artista islandese, che presenterà il suo spettacolo alla Corte della Mole il 2 luglio. «Abbiamo assistito da un anno a questa parte il risveglio oggettivo di Ancona ed al grande progetto culturale alla Mole, così abbiamo pensato che fosse il caso di insistere e non andare avanti per inerzia, di far crescere il festival e con esso la cultura della città – commenta Bagnarelli -. Credo che la forza di questa edizione, tra le migliori, sia la sua trasversalità. Siamo riusciti a bilanciare in un unico cartellone musica pop, radiofonica, musica indipendente e sperimentale, tutte proposte con il comun denominatore della qualità». Qualità sottolineata anche dall’assessore alla Cultura Paolo Marasca. «L’idea era quella di aumentare la forza d’urto del festival, in linea con la nuova politica che sviluppando una certa politica sulla Mole e su Ancona, e credo che Eric e la sua Comcerto ci siano riusciti. Spilla è uno degli appuntamenti che caratterizza la Mole e che permette ad Ancona di avere una ribalta nazionale».

Rag ‘n’ Bone Man

Tra i partner della rassegna anche l’Amat. «Eric ha ottenuto dei risultati straordinari e noi come istituzioni aderiamo a progetti che ci sembrano importanti – le parole di Raimondo Arcolai dell’Amat -. Grazie a manifestazioni come questa stanno crescendo ad Ancona e nella regione una serie di professionalità e di gente che agisce professionalmente. Abbiamo operatori in città e in questa regione nel campo della musica di assoluto valore, dalle proposte mai banali».

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X