facebook rss

Spaccio nei locali della riviera:
padre denunciato e figlio arrestato

SENIGALLIA – Retata della squadra mobile di Ancona e del commissariato. Nelle perquisizioni è incappata la coppia, il 34enne e suo padre di 66 anni
sabato 13 Maggio 2017 - Ore 14:35
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

Arrestato per spaccio il figlio, denunciato il padre. E’ il risultato delle 9 perquisizioni a casa compiute all’alba stamattina dagli agenti della squadra mobile di Ancona, diretta da Carlo Pinto, e del commissariato di Senigallia, guidato da Agostino Licari. Perquisizioni che sono la strascico dell’operazione Take Away, una indagine durata un anno e mirata a smantellare una rete di pusher di cocaina formata da un cartello di albanesi anconetani e giovani senigalliesi, che utilizzava un disco pub di musica latino americana come ritrovo e copertura per lo spaccio. Seguendo le tracce di quella indagine, stamattina, a casa di N.S. gli agenti hanno trovato qualche grammo di droga nella camera da letto del ragazzo di 34 anni italiano. Durante le ricerche, i poliziotti hanno sorpreso il padre del ragazzo che stava cercando di liberarsi di un calzino con circa 50 grammi di hashish. Il padre, G.S. di 66 anni, è anche il presidente di un circolo di ritrovo e perciò la polizia ha esteso la perquisizione anche al suo locale e qui è stato trovato circa un etto di hashish. Il ragazzo si è assunto la responsabilità della detenzione di tutto lo stupefacente sequestrato, perciò è stato arrestato mentre il padre è stato denunciato in stato di libertà.
L’operazione Take Away è scattata un anno fa seguendo un chiaravallese di 35 anni, ex cuoco e aiuto cuoco in diversi locali della riviera, con precedenti per spaccio. Sarebbe stato lui l’anello di collegamento delle rete di pusher nei locali della costa. Uno in particolare il disco pub di musica latina identificato come centro dello spaccio. Nella precedente operazione degli investigatori sono state accertate 120 cessioni di cocaina legate al cuoco e al suo braccio destro, un cittadino albanese. Continuando a seguire quei contatti, la polizia è arrivata oggi alla coppia padre e figlio.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X