facebook rss

Sicurezza dei pedoni in via Marconi,
i sindacati chiedono
l’incontro con Mancinelli

ANCONA – Dopo l’ultimo investimento di una settimana fa, Cgil, Cisl e Uil chiedono di incontrare il sindaco e l’assessore alla viabilità Stefano Foresi per intervenire sull’attraversamento davanti agli uffici delle ferrovie
martedì 23 Maggio 2017 - Ore 19:36
Print Friendly, PDF & Email

Rilievi della polizia municipale lungo l’attraversamento di via Marconi, dopo l’investimento di mercoledì

Mercoledì scorso l’ultimo grave investimento, (leggi l’articolo), l’ultimo di una lunga serie. Perché quelle strisce pedonali in via Marconi, davanti agli uffici del gruppo ferrovie, hanno già visto vittime e numerosi feriti a causa dell’alta velocità del traffico e dell’ampiezza della carreggiata. Dopo la raccolta firme, rimasta inascoltata, dei dipendenti Trenitalia e della società del gruppo delle ferrovie Ferservizi, i sindacati tornano a chiedere al Comune di intervenire per mettere in sicurezza l’attraversamento pedonale di via Marconi. L’ultima raccolta firme l’aveva sottoscritta anche l’uomo investito una settimana fa (leggi l’articolo), che ha riporato numerose fratture nell’impatto. Nella lettera firmata da Filt Cgil, Fit Cisl, Uil Trasporti, dalle rsu degli uffici Rfi e di Ferservizi, inviata al sindaco Mancinelli e all’assessore Foresi, i sindacati tornano a chiedere un “incontro urgente poiché non è la prima volta che il tratto di strada in questione è oggetto di fatti simili”. “Ricordiamo che qualche mese fa in quello stesso tratto di strada è morto un uomo pakistano di 43 anni” sottolineano i sindacati. “Esiste inoltre una raccolta firme dei dipendente di Ferservizi inviata lo scorso anno (in occasione dell’ultimo incidente, accaduto ad un altro ferroviere) proprio per sollecitare un intervento di messa in sicurezza di quel tratto di strada. Pertanto al fine di trovare una soluzione adatta a tutelare i pedoni che si trovano ad attraversare la strada ,riteniamo indispensabile un confronto” conclude l’appello.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X