facebook rss

Intercettano la Range Rover
rubata a imprenditore anconetano:
in carcere i complici del ladro

OSIMO - Sono due i fermi eseguiti per il furto aggravato del mezzo rubato al Passetto l'altra notte. I carabinieri di Osimo hanno bloccato sulla Statale 16 l'Alfa Romeo che faceva da apripista. La vettura da 80mila euro in fuga sulla Statale 16 fermata poco dopo a Grottamare ma il conducente, dopo averla abbandonata si è dato alla macchia
giovedì 25 maggio 2017 - Ore 15:15
Print Friendly, PDF & Email

Controlli e perquisizioni dei carabinieri (foto d’archivio)

Sono due le persone sottoposte a fermo per il furto aggravato in concorso dell’auto rubata ieri notte ad Ancona (leggi l’articolo). Si tratta di N.M., 40 anni, nato a Foggia e residente a Ortanova e D.A., 36 anni, nato e residente a Cerignola, entrambi già noti alle forze dell’ordine. Ieri alle 2.55, a bordo di un’Alfa Romeo 147, sono stati intercettati mentre percorrevano ad altissima velocità, la Statale Adriatica a località Osimo-Stazione, in direzione sud, precedendo di pochi metri una Range Rover Evoque. Il conducente di quest’ultimo mezzo, che allo si è dato alla fuga non appena ha visto spuntare la paletta dell’alt, facendo perdere le sue tracce. Nell’Alfa invece che si è fermata è stata portata a termine una perquisizione.

I carabinieri vi hanno rinvenuto diversi attrezzi atti allo scasso, occultati nell’abitacolo, mentre nella tasca destra del giubbotto del 36enne, sono saltati fuori un telecomando marchiato Range Rover con una chiave modificata all’interno ed un altro telecomando universale, utilizzati per l’apertura fraudolenta di autoveicoli, tutti sottoposti a sequestro. E mentre i due pugliesi sono stati condotti in caserma proseguivano le ricerche diramate in tutte le provincie marchigiane della Range Rover sfrecciata a tutta velicità a Osimo Stazione che è stata rintracciata poco dopo a Grottamare dalla pattuglia dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di San Benedetto del Tronto.

Il conducente è in corso d’identificazione perchè alla vista dei militari ha abbandonato il mezzo e si è dato alla fuga a piedi, dileguandosi. Il veicolo abbandonato, da accertamenti eseguiti alla banca dati delle forze di polizia, non risultava essere oggetto di furto. Così i militari osimani hanno cercato ieri mattina il proprietario di Ancona, un noto imprenditore edile, che ha confermato di essere stato derubato del veicolo posteggiato poche ore prima al Passetto, durante la notte. Il mezzo del valore di 80mila euro è stato sottoposto a sequestro per ulteriori accertamenti di polizia giudiziaria e dei rilievi da parte del Norm di San Benedetto del Tronto. Il Pm Andrea Laurino ha disposto il fermo e la traduzione dei due nel carcere di Montacuto, i attesa dell’interrogatorio di garanzia e dell’udienza di convalida.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X