facebook rss

Otite curata con l’omeopatia,
il medico: “Antibiotico
dopo tre giorni”

ANCONA - A spiegarlo è Luigi Turinese, medico chirurgo, esperto in omeopatia. Interviene dopo il caso del bambino di 7 anni, ricoverato in coma al Salesi. "Dietro ogni prescrizione ci deve essere sempre un dottore"
Print Friendly, PDF & Email

Luigi Turinese

di Marina Verdenelli

«L’otite non va curata con l’antibiotico ma se entro le 72 ore il paziente non migliora questo va somministrato. Nell’attesa vigile basta un analgesico, il classico paracetamolo». A spiegarlo è Luigi Turinese, medico chirurgo, esperto in omeopatia (membro della Siomi, la società italiana di omeopatia e medicina integrata) e con ambulatorio anche ad Ancona. Dopo il caso del bambino di 7 anni, ricoverato in coma al Salesi, per una otite curata con l’omeopatia per quindici giorni (leggi l’articolo), Cronache Ancona lo ha interpellato per avere un quadro sulle terapie alternative ai farmaci tradizionali e capire fino a che punto possano essere utilizzati al loro posto e quando non si può fare a meno di un antibiotico. «Le cure omeopatiche devono sempre essere consigliate da un medico – spiega Turinese – che può indicare quando devono essere sospese per fare spazio ai farmaci convenzionali. Nel caso di una otite le linee guida a cui tutti i medici fanno riferimento, seguendo l’EBM, evidence-based-medicine, la medicina basata sulle evidenze, non prevedono la somministrazione di antibiotici nelle prime 72 ore a meno che il paziente abbia meno di due anni, sia affetto da altre patologie che indeboliscono il suo stato di salute o abbia un riscontro bilaterale della patologia, vale a dire su entrambe le orecchie. Se non sussistono queste condizioni può essere curata con un semplice analgesico o antinfiammatorio come il classico paracetamolo (la tachipirina, ndr) o anche con le sole cure omeopatiche purché consigliate dal medico. Se il problema non passa allora si deve prendere l’antibiotico. Questo lo sanno tutti i medici». Turinese spiega come queste linee guida riguardano anche i pediatri che devono sottoporre il bambino ad una attesa vigile che dura 72 ore, tre giorni. «Oggi ci si affida in maniera sbagliata al web – continua il medico – dove si trova di tutto sulle cure alternative, anche quelle omeopatiche che nulla hanno a che vedere con le cure alternative. Ma non ci si può improvvisare medici di se stessi. Nel caso del bambino ricoverato, se i genitori lo hanno curato con l’omeopatia per due settimane, probabilmente è mancata la diagnosi o è mancato un buon medico che seguiva il paziente».

 

Sostieni Cronache Ancona

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Ancona lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Ca impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597
CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A
Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page