facebook rss

Smog a Osimo Stazione,
Campanari: “Sogno
da sempre una frazione green”

INQUINAMENTO - Il capogruppo democrat replica alla consigliera Bordoni: "Conosco i problemi nella frazione fin da quando le liste civiche, di cui lei fa parte, nel 2007 amministravano la città e sapevano bene della problematica dai rilievi della centralina"
mercoledì 31 Maggio 2017 - Ore 10:20
Print Friendly, PDF & Email

Giorgio Campanari, capogruppo del gruppo di maggioranza Pd

“La manifestazione contro lo smog di lunedì ad Osimo Stazione (leggi l’articolo) è stato un importante segnale verso le istituzioni per mantenere alta l’attenzione sulle politiche ambientali e sulla salute dei cittadini. Ritengo però fondamentale ribadire che nessuno può mettere in discussione l’operato nella frazione di questa amministrazione comunale su tematiche così importanti”. A parlare è Giorgio Campanari (Pd). Il capogruppo di maggioranza si dice convinto che “le istituzioni abbiano l’obbligo di fare tutto ciò che è in loro potere per salvaguardare la salute dei propri concittadini e proprio ad Osimo Stazione sono partiti progetti e idee che miglioreranno la situazione attuale e che mai in passato hanno visto così tanta convinzione nel realizzarle da parte di chi amministra il Comune di Osimo. Dico questo perchè è importante ripristinare un minimo di verità soprattutto dopo le dichiarazioni della collega Monica Bordoni (leggi l’articolo)”.

Campanari concorda con la consigliera comunale-provinciale delle liste civiche nel sostenere “tra un’intervista e l’altra davanti a fotografi e giornalisti” che lo smog non ha colore politico. “Ovviamente non è vero – rimarca – perchè, come spesso accade, lei la butta sulla politica attaccando sindaco e maggioranza di non aver partecipato alla manifestazione. Sarebbe interessante capire da lei come l’amministrazione comunale avrebbe potuto partecipare ad una iniziativa dichiaratamente contro la stessa amministrazione comunale. Inoltre ritengo vergognoso l’attacco al consiglio di quartiere reo, secondo lei, di non interessarsi al tema. Conosco i problemi dello smog nella frazione fin da quando le liste civiche, di cui lei fa parte, nel 2007 amministravano la città e sapevano della problematica dai rilievi della centralina che era stata installata nel piazzale della chiesa. E cosa hanno fatto per risolvere la situazione? Niente”.

Osimo Stazione, l’incrocio semaforizzato all’ingresso della frazione

Il capogruppo democrat ricorda anche che “dal 2007 hanno amministrato 7 anni ancora, se davvero gli interessava avrebbero potuto fare qualcosa. Io sogno da sempre una frazione green, purtroppo cementificata senza criterio in passato, e penso che serva protestare per far sentire la propria voce ma serva anche attivarsi per mettere in campo soluzioni concrete che portino miglioramenti visibili. E come dicevo prima questa amministrazione ne sta portando avanti molte (leggi l’articolo): altri 3 ettari di territorio da piantumare oltre ai 5 del parco urbano con più di 1500 alberi totali che contribuiranno a diminuire le polveri sottili presenti nell’aria, rotatoria promessa da anni e mai realizzata per la quale il Comune mette soldi propri a dimostrazione della convinzione di realizzare l’opera per veicolare i mezzi pesanti sulla Cameranense, incontri costanti del sindaco con Arpam per portare nella frazione una centralina di rilevamento dell’inquinamento atmosferico e incontri costanti per trovare una viabilità alternativa immediata per affrontare il problema della caduta del ponte e la ripercussione sulla strada Statale che attraversa la frazione. Poi ci sono anche altre idee sulle quali si sta lavorando come, ad esempio, i pannelli antismog capaci di assorbire le Pm 10. Quindi c’è tanto lavoro da fare e tante soluzioni già in campo che dimostrano l’assoluta falsità delle accuse degli esponenti politici delle Liste Civiche presenti l’altro ieri alla manifestazione”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X