facebook rss

Autovelox di Filottrano, a luglio
la sentenza pilota dei giudici di pace

ANCONA - Il 14 si pronuncerà Eliana Parlato, il 21 Lorena Volpone. Nell'udienza di stamattina proprio il giudice Volpone ha acquisito agli atti la perizia del consulente tecnico d'ufficio che ritiene irregolare la postazione di via dell'Industria. Rigettata la richiesta del legale del Comune di Filottrano di ricusare il Ctu
venerdì 23 Giugno 2017 - Ore 21:03
Print Friendly, PDF & Email

Filottrano, l’autovelox di via dell’Industria, spento a fine estate 2016

Il 14 luglio si pronunceranno il giudice di pace di Ancona, Eliana Parlato e Vittorio Rattenni, il 21  il giudice Lorena Volpone. Le loro sentenze-pilota orienteranno tutti gli altri ricorsi presentati dagli automobilisti che hanno ricevuto una multa, a Filottrano, dall’autovelox di via dell’Industria. Le cause in tutto sono 171 e sono per lo più patrocinate dall’avvocato Italo D’Angelo con il sostegno del Comitato per il rispetto del Codice della Strada. I verbali invece sono 550 e altri 50 ricorrenti si sono rivolti alla Prefettura di Ancona chiedendo l’annullamento delle contravvenzioni.

L’avvocato Italo d’Angelo ad un incontro organizzato nel 2016 dal Comitato per il Rispetto del Codice della Strada

Nel corso dell’udienza di stamattina, proprio la Volpone ha acquisito agli atti la perizia tecnica depositata lo scorso 9 giugno dal Ctu Michele Agostinacchio (leggi l’articolo), che ritiene irregolare il velocar filottranese. La giudice ha  rigettato la richiesta dell’avvocato Paolo Volpi, legale del Comune di Filottrano, di ricusare il consulente tecnico d’ufficio perchè ritenuto non “super partes”. Ha così deciso di andare a sentenza, considerando validi i contenuti della relazione dell’ingegnere Agostinacchio, in linea con quella firmata dalla Polizia Stradale e allegata in risposta alla l’interrogazione parlamentare dell’on Baldelli, e ormai maturi i tempi per chiudere il caso.

PER IL CTU IL VELOCAR E’ IRREGOLARE – Il Ctu, in sintesi, ritiene irregolare l’autovelox di via dell’Indutria perché la postazione per il controllo elettronico della velocità non rispetta la distanza minima di

Alcuni multati dall’autovelox filottranese, a settembre 2016, davanti alle telecamere di ‘Uno Mattina’

legge di un chilometro dal segnale che indica il limite di velocità consentito (60 km orari), non è visibile di notte e oltretutto è stata posizionata in un rettilineo della strada provinciale dove è consentito sorpassare per la presenza della linea tratteggiata. In più lo strumento è bidirezionale ma opererebbe in maniera ‘discrezionale’ perchè sulla corsia Jesi-Filottrano fotografa la targa posteriore dei mezzi, su quella Filottrano-Jesi, quella anteriore e per legge alcune categorie di veicoli, come i motoveicoli e quadricicli, con questa tecnica non possono essere sanzionati.

GLI ALTRI NUMERI DELL’AUTOVELOX DI FILOTTRANO – Sono state 18.300, da giugno ad agosto 2016, le multe elevate dal famigerato autovelox, per 1.200.000 euro circa di incassi entrati nell’erario comunale.

Il sindaco Lauretta Giulioni ospite della trasmissione ‘Quinta Colonna’ difende l’autovelox di via dell’Industria

E’ invece di 60 km/h il limite di velocità vigente su via dell’Industra, strada provinciale dove transitano soprattutto lavoratori pendolari che si spostano sull’asse Jesi-Filottrano-Macerata. Tra le ‘vittime’ dell’apparecchio ci sono autotrasportatori che hanno pagato 3500 euro di sanzioni perdendo fino a 27 punti dalla patente e persino le infermiere dello Iom di Jesi, che la scorsa estate assistevano in emergenza i pazienti oncologici di Filottrano e che sono arrivate a collezionare 22 multe. L’amministrazione comunale ha sempre difeso la scelta di installare il velocar di ultima generazione, acceso 24 ora su 24 e capace di legge le targhe dei veicoli su entrambi i sensi di marcia. Il sindaco Lauretta Giulioni ha sempre sostenuto che i multati rappresentano solo il 4-5% del volume di traffico di questa strada pericolosa che ha registrato anche incidenti mortali: 5 automobilisti ogni 100 in transito avrebbero, in sostanza, preso una contravvenzione.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X