facebook rss

Osimo piange Guido Maggiori,
memoria storica delle lotte mezzadrili

LUTTO - L'ex sindacalista e consigliere comunale del Partito comunista se n'è andato ieri sera a 97 anni su un letto dell'ospedale Ss. Benvenuto e Rocco di Osimo. Domani l'ultimo saluto con rito civile al Cimitero Maggiore di Osimo. Sarà sepolto accanto al figlio Maurizio
domenica 25 Giugno 2017 - Ore 11:01
Print Friendly, PDF & Email

Guido Maggiori, in una foto storica degli anni Sessanta

E’ morto ieri sera all’età di 97 anni Guido Maggiori, sindacalista e memoria storica delle lotte mezzadrili, partigiano e consigliere comunale, tra i fondatori del Partito comunista a Osimo. Maggiori che era stato membro attivo dell’Anpi cittadino e provinciale, se n’è andato su un letto dell’ospedale Ss.Benvenuto e Rocco dove era ricoverato. Con la scomparsa di Guido Maggiori Osimo perde una delle sue figure più rappresentative della storia contemporanea. Negli anni ’60-‘80, era stato un attivissimo consigliere comunale del Pci, sui banchi di opposizione della Sala Gialla. Oggi in consiglio comunale siede sua figlia Renata (Pd).

La salma é stata composta nella camera mortuaria dell’ospedale di Osimo, aperta da stamattina alle 10.30. Per volontà del defunto non ci saranno funerali religiosi ma solo civili. Prima della tumulazione, domani 26 giugno, alle 17.30 al Cimitero Maggiore di Osimo, amici e conoscenti abbracceranno la moglie Adalgisa e le figlie Renata, Mirella, Norma e Paola, dedicando un pensiero all’uomo e al politico. Poi Maggiori sarà sepolto accanto al figlio Maurizio, l’istruttore di surf, stroncato nel 2015, a soli 58 anni, da un infarto mentre si trovava sulla spiaggia. 

“Guido ha formato nuove generazioni di compagni. E’ stato punto di riferimento per tutti noi, per il suo impegno e la coerenza nell’applicare i principi e la morale della politica in ogni gesto pratico che compiva” ricorda l’ex sindaco Matteo Biscarini (Articolo 1). Cordoglio a nome della città è stato espresso dal sindaco Simone Pugnaloni. “Ai familiari, alla figlia Renata amica e consigliere comunale, un grande abbraccio – scrive il primo cittadino democrat di Osimo – Un grazie a colui che per anni e’ stato uomo testimone e punto di riferimento della sinistra osimana, per molti anni guida del Pci in consiglio comunale. Il mio personale ricordo e’ legato all’abbraccio per i suo 60 anni di matrimonio poco tempo fa”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X