facebook rss

Investe una moto, fugge ma poi ritorna
con i genitori: automobilista denunciato

OSIMO - L'incidente è avvenuto alle 23.30 di ieri all'incrocio di Padiglione. I due centauri di 47 e 45 anni sono finiti all'ospedale di Torrette, lei con lesioni gravi. Il 27enne osimano alla guida della Ford Fiesta prima ha spento i fari e si è dileguato. Poi ci ha ripensato ed è tornato indietro accompagnato dai familiari mentre i carabinieri stavano già effettuando i rilievi . Rischia una denuncia per lesioni gravi stradali e omissione di soccorso
lunedì 10 Luglio 2017 - Ore 10:45
Print Friendly, PDF & Email

la moto a terra all’incrocio di Padiglione di Osimo

La moto con a bordo due centauri viene travolta da un’auto che non si ferma. I carabinieri arrivano sul posto per soccorrere la coppia di motociclisti ferita all’incrocio tra via di Jesi e via Montefanese. L’automobilista, dopo mezz’ora, ci ripensa e torna indietro sul posto dello scontro accompagnato dai suoi genitori. E’ successo ieri sera a Padiglione di Osimo e adesso l’osimano di 27 anni G.A., rischia una denuncia per lesioni gravi stradali e omissione di soccorso.

I due feriti, Z.A. la 47enne  di origini iraniane ma residente ad Agugliano che guidava la Suzuki RV 125 e il passeggero F.L, un pesarese di 45 anni, sono infatti ricoverati all’ospedale di Torrette, lei con una prognosi di guarigione  di 60 giorni per politraumi (le sanzioni della nuova legge sull’omicidio stradale scattano con referti di lesioni superiori ai 40 giorni), lui è meno grave.

L’incidente tra la moto che viaggiava con direzione Passatepompo-Osimo e la Ford Fiesta condotta dal 27enne  che procedeva con direzione opposta è avvenuto alle 23.30 di ieri sera. Il conducente della vettura ha svoltato verso Campocavallo senza rispettare il diritto di precedenza e invece di fermarsi, subito dopo l’impatto con la moto, avrebbe spento fari, stando al racconto di alcuni testimoni, e, in un primo momento, si è allontanato. Poi è tornato quando i militari del Radiomobile, coordinati dal maresciallo Giuseppe Esposito, comandante del Nor della Compagnia di Osimo, stavano già effettuando i rilievi. Avrebbe dichiarato di non essersi reso conto di quello che era successo. Entrambi i mezzi sono stati posti sotto sequestro mentre il giovane osimano, accompagnato all’ospedale di Osimo in nottata, è stato sottoposto agli accertamenti ematici, dei quali si attendono gli esiti.

L’incidente di Padiglione (foto Alessandro Colonnini)

(foto Alessandro Colonnini)

(foto Alessandro Colonnini)

(foto Alessandro Colonnini)

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X