facebook rss

Blitz nelle sartorie in nero,
multe per 11mila euro

SENIGALLIA – La polizia e gli ispettori del lavoro hanno scoperto due aziende irregolari con lavoratori “fantasma”: clandestini e senza contratto
martedì 11 luglio 2017 - Ore 18:15
Print Friendly, PDF & Email

Senza contratto e senza permesso di soggiorno, veri e propri fantasmi al lavoro nelle sartorie gestite da stranieri. Gli agenti del commissariato di Senigallia, insieme con il personale dell’Ispettorato territoriale del lavoro di Ancona, hanno scoperto irregolarità in due aziende nel quartiere Cesanella e lungo la provinciale Arceviese. In tutto, sono state emesse multe per 11mila euro, un cinese è stato denunciato per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, un altro è stato espulso. Una terza attività gestita da un cittadino di nazionalità cinese lungo la Corinaldese invece è risultata in regola nei confronti dei suoi 4 dipendenti. Alla Cesanella, gli agenti hanno controllato una azienda calzaturiera gestita da un cittadino di origine pakistana, dove su 12 lavoratori, uno è stato trovato senza contratto di lavoro. Al datore è stata inflitta una sanzione di 3mila euro, e l’obbligo di assumere il lavoratore con almeno un contratto di 3 mesi.
un’altra azienda tessile operante sull’Arceviese. Più grave la situazione di una azienda di lavorazioni tessili lungo la strada Arceviese, gestita da un cittadino cinese di 32 anni.
All’ingresso della polizia, gli agenti hanno identificato i 10 presenti. Tra questi un cittadino cinese è risultato clandestino in quanto privo di titolo all’ingresso nel territorio dello Stato, mentre due lavoratori sono risultati in nero perché mai assunti. L’uomo irregolare è stato trasferito al Cie di Bologna per il rimpatrio in Cina. Il titolare dell’azienda verrà indagato per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Per l’impiego di lavoratori “in nero”, i funzionari della Ispettorato del lavoro hanno disposto la sospensione dell’attività, poi revocata dietro il pagamento di due rate della sanzione per un importo totale di 2.000 euro. Inoltre veniva applicata la maxi sanzione per l’impiego dei due lavoratori irregolari per altri 6.000 euro, oltre alla regolarizzazione della posizione lavorativa di entrambi i soggetti.
Sono in corso altri accertamenti per verificare eventuali irregolarità sotto il profilo della regolarità lavorativa.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X