facebook rss

Dal primo agosto torna
la Carta Tutto Treno Marche

ANCONA - Intervenendo su una mozione presentata dal consigliere regionale Talè, l'assessore ai Trasporti Sciapichetti ha assicurato il ripristino delle agevolazioni ai pendolari. "Siamo riusciti a trovare la copertura finanziaria". La sospensione del servizio da gennaio ha provocato la protesta dei lavoratori
mercoledì 12 Luglio 2017 - Ore 19:35
Print Friendly, PDF & Email

 

(foto d’archivio)

 

Torna la Carta Tutto Treno Marche. Dal primo agosto sarà di nuovo possibile acquistare lo speciale titolo di viaggio soppresso a gennaio. Ad affermarlo, l’assessore regionale ai Trasporti, Angelo Sciapichetti, intervenendo su una mozione presentata dal consigliere Pd Federico Talè. L’esponente democrat ha evidenziato oggi in aula l’importanza della Carta Tutto Treno Marche, attivata nel 2009 a seguito di un accordo tra Regione Marche e Trenitalia per garantire tariffe agevolate, nell’accoppiata treni a lunga percorrenza-regionali, ai pendolari marchigiani. A gennaio 2017 però, la soppressione del servizio, che aveva scatenato anche le proteste dei viaggiatori che avevano lanciato una petizione per il suo ripristino. «La Giunta sta cercando faticosamente insieme all’assessore al Bilancio Cesetti la copertura finanziaria per il servizio – afferma il titolare della delega ai Trasporti -. Ci sono effettive difficoltà di bilancio, ma posso assicurare che già la prossima settimana potremmo ripristinare i fondi. Non sono somme ingenti, ma ci permetteranno di ripartire con la Carta Tutto Treno dal primo agosto».

Il consigliere regionale Pd Federico Talè

Approvata all’unanimità la mozione, sostenuta anche dallo stesso Sciapichetti, del consigliere Talè, che ha ricostruito la storia dello speciale titolo di viaggio, mettendo nero su bianco il risparmio che il servizio ha  assicurato per cinque anni ai pendolari ora costretti a fare i conti con il caro treno. «Dal 2009 al 31 dicembre 2016 la Carta Tutto Treno – sottolinea Talè – ha consentito ai pendolari marchigiani di utilizzare con agevolazione tariffaria i servizi della lunga percorrenza offerti da Intercity, Frecciabianca ed Eurostar in appoggio ad abbonamenti per un treno regionale con origine nelle Marche. Fino al giugno 2016 la Carta Tutto Treno Marche aveva un costo annuale di 90 euro per le distanze entro i 60 chilometri e di 110 per quelle oltre i 60 chilometri – aggiunge Talè -. Dal primo luglio 2016, invece, il costo è passato rispettivamente a 130 e a 150 euro. Un aumento consistente, pari al 40%, ma comunque il titolo di viaggio manteneva la sua utilità e i nostri pendolari hanno continuato a sottoscriverlo. Da gennaio 2017, però, la doccia fredda: le biglietterie di Trenitalia non hanno più venduto la Carta Tutto Treno ai pendolari residenti nelle Marche, perché la Regione ha sospeso i fondi. La conseguenza è un sacrifico economico importante per i nostri pendolari, che per continuare ad usare i treni Intecity e Frecciabianca sono stati costretti a pagare una cifra quasi doppia. Per fare un esempio, per la tratta Pesaro-Rimini l’abbonamento è di 100 euro al mese ai quai si aggiungono i 5 euro per l’abbonamento regionale, con la Carta Tutto Treno Marche l’abbonamento costava circa 65 euro (55 mensili più la quota dei 130 annuali della Carta). Adesso – conclude Talè – è necessario che il voto unanime dell’aula sul mio atto di indirizzo e le notizie fornite dall’assessore Sciapichetti abbiano un seguito immediato con l’effettivo ripristino entro il primo agosto di questo importante titolo di viaggio, sia per porre uno stop ai danni sociali e all’aggravio dei costi per molte centinaia di lavoratori e per le loro famiglie sia nell’ottica della valorizzazione di scelte di mobilità eco-sostenibili».

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X