facebook rss

Botte e insulti razzisti contro
una donna incinta:
arrestata una 19enne

CHOC – La ragazza anconetana arrestata a Rimini dopo una rapina sul bus. La donna al sesto mese di gravidanza è stata presa a calci e pugni, poi spinta a terra per strapparle il cellulare tra le urla: “Ti faccio abortire negra di m....”
giovedì 17 Agosto 2017 - Ore 19:32
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

Rapinano sul bus una donna incinta a colpi di calci e pugni prima di gettarla a terra e coprirla di insulti razzisti, in manette è finita una coppia di ragazzi. Lei residente in provincia di Ancona di 19 anni, lui della provincia di Caserta di 22 anni. La violenza choc è avvenuta a Rimini alle 19 di mercoledì, quando una volante della questura è intervenuta alla fermata in via Principe Amedeo per una lite in corso tra la donna incinta al sesto mese di gravidanza e i due ragazzi. Ai poliziotti, la donna di colore ha raccontato di essere stata aggredita e derubata del telefonino dai due giovani, che hanno continuato ad insultarla anche davanti agli agenti. Troppo da sopportare per la donna, che ha accusato un malore ed è stata trasportata in ambulanza al pronto soccorso. I testimoni ascoltati dalla polizia hanno raccontato di aver visto la donna spinta a terra, mentre stava scendendo dal bus. Gli agenti hanno ritrovato a terra il cellulare e il portamonete della donna poco distante. La donna si è accorta della mano del ragazzo che si stava infilando nella borsetta mentre era sul mezzo pubblico e gli ha bloccato il braccio, scatenando la furia. Il 22enne ha iniziato ad insultarla con frasi razziste prima di prenderla a calci e pugni. Terrorizzata, la donna ha cercato di difendere il suo grembo. Al fianco del ragazzo di Caserta, la 19enne di Ancona che ha aggiunto quelle urla terribili: “Ti faccio abortire negra di m….”. Quando l’autobus si è fermato per far scendere alcuni passeggeri alla fermata di linea, i due ragazzi hanno spinto la donna facendola cadere in terra. Dopo aver raccolto le testimonianze, gli agenti hanno condotto i due ragazzi in questura e li hanno arrestati per rapina.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X