facebook rss

Il mare restituisce un residuato bellico:
intervengono i palombari della Marina

NUMANA - Stamattina le operazioni di messa in sicurezza del proiettile calibro 40, delle dimensioni di circa 60 centimetri, ritrovato da un bagnante nel tardo pomeriggio di ieri nello specchio d'acqua davanti allo stabilimento 'Crystal'
venerdì 18 agosto 2017 - Ore 11:04
Print Friendly, PDF & Email

Le operazioni d messa in sicurezza dell’ordigno bellico ritrovato davanti allo stabilimento Crystal di Numana

Ritrovato ordigno della seconda guerra mondiale davanti al litorale di Numana. Nella prima mattinata di oggi, dopo la segnalazione ricevuta da un cittadino, personale del Gruppo Palombari della Marina Militare (Nucleo Sdai), coadiuvato da personale della Guardia Costiera di Numana ed Ancona, ha proceduto alla messa in sicurezza ed al recupero in mare di un proietto d’artiglieria, rinvenuto ad una profondità di 3 metri e ad una distanza di circa 25 metri dalla battigia, nei pressi dello stabilimento balneare ‘Crystal’ di Numana.

Le attività sono state coordinate dalla Sala Operativa della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Ancona. Il proietto, trovato da un bagnante nel tardo pomeriggio di ieri,  17 agosto, e prontamente segnalato con gavitello arancione dal personale della Capitaneria di Porto – coadiuvato dal battello Pc 101 della Protezione Civile di Numana, è risultato essere un colpo d’artiglieria delle dimensioni di circa 60 centimetri calibro 40 mm, verosimilmente un residuato del secondo conflitto mondiale.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X