facebook rss

Corso Garibaldi, allarme bomba
per un trolley abbandonato

ANCONA - L'allarme è scattato verso le 12.30. Polizia e vigili del fuoco sono confluiti per le verifiche antiterrorismo ma non c'era niente nella valigia lasciata incustodita vicino al bar Giuliani. Domani in prefettura la riunione del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica.
domenica 20 Ago 2017 - Ore 13:27
Print Friendly, PDF & Email

foto d’archivio

Ore 12.30, allarme bomba in Corso Garibaldi ad Ancona. Sono arrivati i vigili del fuoco e le volanti della Questura dopo la segnalazione di trolley nero abbandonato all’angolo del bar Giuliani, locale centralissimo di Ancona, vicino al teatro delle Muse. La polizia ha subito fatto sgomberare i clienti che occupavano i tavolini esterni del pubblico esercizio per mettere in sicurezza l’area in attesa di verificare il contenuto della piccola valigia, che è poi risultata vuota. Gli avventori che si trovavano all’interno del locale hanno invece potuto seguire la scena delle operazioni di soccorso, seduti al posto dove si trovavano.

L’intervento delle forze dell’ordine è stato chirurgico, veloce proprio per evitare di innescare reazioni di panico. Nessuna psicosi per i recenti atti terroristici si è manifestata tra i passanti della via principale della città. La celerità d’azione della polizia e dei vigili del fuoco testimonia, però, che il livello di allerta è alto e che la guardia non viene abbassata, non viene trascurato il minimo dettaglio. Dopo l’attentato di Barcellona, anche ad Ancona e provincia sono state intensificate già da venerdì le misure di sicurezza e sorveglianza delle aree e degli obiettivi sensibili, compresi porto, aeroporto, Basilica della Santa Casa di Loreto. Il monitoraggio dell’antiterrorismo, su indicazione del Viminale, è stato allargato anche agli alberghi, alle strutture ricettive e ai noleggi di mezzi. Il prefetto Antonio D’Acunto ha convocato per domani, lunedì 21 agosto, una riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X