facebook rss

Banca Marche, la procura: «Non è provata
l’associazione per delinquere»

ANCONA – La procura chiede l'archiviazione di 16 ex amministratori indagati nel crac Bm perché "non dimostrata una struttura delinquenziale stabile". Restano in piedi tutte le altre accuse
venerdì 1 Settembre 2017 - Ore 19:20
Print Friendly, PDF & Email

Archiviata l’accusa di associazione per delinquere, ma restano in piedi tutte le altre ipotesi di reato per cui la procura ha chiesto il rinvio a giudizio di 17 ex dirigenti nel caso del crac Banca Marche. Secondo i pm Andrea Laurino, Marco Pucilli e Serenna Bizzarri titolari dell’inchiesta sul fallimento miliardario dell’istituto di credito, nella concessioni dei crediti furono commessi “plurimi e reiterati gravi fatti di reato” tra il 2007 e il 2012, ma non è stata dimostrata la presenza di “struttura organizzativa delinquenziale stabile”. I magistrati lo scrivono nella richiesta di archiviazione per tutti gli indagati della sola accusa di associazione per delinquere. Nell’atto ribadiscono comunque le altre accuse per gli ex dirigenti di Bm e Medioleasing, che vanno a vario titolo dalla bancarotta patrimoniale a quella societaria che hanno assorbito le accuse di falso in bilancio, appropriazione indebita e truffa.

Crac Banca Marche, chiesto il processo per 17 ex amministratori

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X