facebook rss

Compra un chilo di cetrioli
e truffa alla cassa la negoziante

FALCONARA - Stamattina in un negozio di frutta e verdura di Falconara è andata in onda la 'truffa del resto'. La ragazza straniera avrebbe dovuto pagare 1.60 euro, ha tirato fuori 20 euro ma quando se n'è andata, nel via vai di denaro, dal registratore ne mancavano 10 di incasso. L'episodio già segnalato ai carabinieri
martedì 7 Novembre 2017 - Ore 13:05
Print Friendly, PDF & Email

La tenenza dei carabinieri di Falconara

Ha comprato un chilo di cetrioli spendendo 1.60 euro e li ha pagati con una banconota da 20 euro. Ma quando stamattina si è allontanata dal negozio di frutta e verdura al centro di Falconara, nel via vai di denaro, dalla cassa ne mancavano 10. E.A., la vittima della ‘truffa del resto’ uno dei più collaudati raggiri ai danni dei commercianti, ha segnalato il fatto in tempo reale ai carabinieri della tenenza falconarese nella speranza che si possano rintracciare gli autori, due giovani stranieri, e si evitino danni ad altri negozianti della zona. E’ successo tutto in una manciata di minuti.

“Erano in due, un uomo e una donna più o meno sulla trentina, dall’accento lei sembrava dell’Est Europa. Lui è rimasto davanti alla porta del negozio, la ragazza invece è entrata e mi ha chiesto i centrioli – racconta la negoziante– Mi doveva 1.60 euro e per pagare ha tirato fuori la carta da 20. Mentre stavo preparando il resto, la donna ha fatto finta di cercare le monete ma con destrezza deve essersi ripresa i 20 euro. Mi sono accorta subito perché in cassa non avevo altre carte da 20 euro quindi gliel’ho fatto presente. Lei ha fatto il gesto di ritirarli fuori anche se insisteva nel dire che non era vero. Poi ha preso il mio resto e mi ha invito a riprenderli da lì. Mi ha mandato in completa confusione: ho ripreso solo i 10 euro, mentre gli altri 10, i 9 che le avevo dato più l’euro che non ha pagato, me li ha sottratti”. La descrizione della coppia che la commerciante ha fornito ai carabinieri è quella di due giovani. “Lei era di bassa statura, sul metro e 50 – ricorda E.A. – in carne, con abiti neri e una fascia nei capelli legati in una coda. Anche lui era robusto, di media statura e vestito di nero con una felpa”.

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X