facebook rss

Osimo, grana degli accertamenti Tari:
Cgia e Confcommercio minacciano ricorsi

TASSE - Ieri sera la partecipata assemblea pubblica organizzata dalla liste civiche, stamattina il vertice di Astea con le associazioni di categoria
venerdì 24 Novembre 2017 - Ore 19:18
Print Friendly, PDF & Email

L’incontro sulla Tari organizzato ieri sera con gli imprenditori dalla liste civiche

Accertamenti Tari alle imprese di Osimo, stamattina si è svolto all’Astea l’incontro chiarificatore con le associazioni di categoria che però restano sul piede di guerra e minacciano azioni legali (leggi l’articolo). Ieri sera alla partecipatissima riunione organizzata dalla liste civiche di minoranza, aperta alle aziende, erano presenti anche il sindaco Simone Pugnaloni e il presidente-ad di Astea, Fabio Marchetti. E’ emerso che alcuni imprese, contribuenti che hanno pagato regolarmente la Tari si sono viste arrivare accertamenti con la mora degli interessi fino a 330 mila euro per controlli successivi sulle aree esterne. Al vertice Astea di stamattina hanno partecipato Confindustria, Confcommercio, Cna e Confartigianato. “E’ stata posta l’attenzione sulla collaborazione e sullo scambio di informazioni per il pagamento e la situazione dei pregressi di tutte le aziende interessate – fa sapere in una nota stampa Astea spa – Sono già stati fissati degli appuntamenti tra Astea e diverse imprese. Da lunedì chiunque fosse interessato a chiarire la propria posizione può accedere agli appositi uffici Astea”.

Paolo Picchio

“Il caso delle cartelle Tari rischia di trasformarsi in una mazzata per le imprese del territorio, un rischio che ci preoccupa, tanto, in un contesto come questo in cui il sistema produttivo ancora provato dai tempi di crisi sta cercando la ripresa ma si scontra con mille ostacoli e difficoltà – commenta in un comunicato stampa Paolo Picchio responsabile territoriale Confartigianato – tra le quali questa, davvero inopportuna viste anche le modalità, e il continuo processo di trasformazione del mondo bancario che non semplifica di certo la vita alle imprese nell’accesso al credito. Per questo – continua Picchio – sottolineiamo la necessità di andare a fondo in questa questione e di verificare con esattezza e opportuna chiarezza quanto sta accadendo. Di certo rifiutiamo la lettura semplicistica di taluni che imputano ai nostri imprenditori l’accusa di evasione. Rivendichiamo in risposta una buonafede dell’operato delle imprese, e piuttosto rimarchiamo – ciò è importante – quanto la normativa in questione sia tecnica e di difficile interpretazione, fatto che potrebbe aver indotto a erronee letture. Una normativa peraltro, quella della Tari, che auspichiamo, proprio per la sua farraginosità, possa essere quanto prima sottoposta a opportune modifiche”. La Cgia invita gli imprenditori che abbiano ricevuto gli accertamenti a consegnare le cartelle all’ufficio di categoria di via Marco Polo 94 dove abbiamo predisposto uno sportello di consulenza, gratuito per i nostri associati, per verificare le singole pratiche e valutare eventuali azioni di ricorso.

Massimiliano Polacco, direttore generale Confcommercio Marche

La Confcommercio parla invece di ‘grana-Tari’ ed esprime perplessità sul metodo e sulle procedure adottate, ribadendo “come sia stato adottato un metodo sicuramente sbagliato per gestire la problematica coinvolgendo di fatto le organizzazioni solamente a cose fatte e impedendo una verifica preventiva delle situazioni. Nel merito – prosegue la nota stampa dell’associazione dei commercianti – sono numerose le questioni aperte e tutte da verificare a partire da un’attività di verifica sulle singole posizioni da parte di Astea, che alle Imprese non risulta essere stata fatta, fino ad arrivare alla ribadita necessità di un sportello apposito da parte della stessa Astea per garantire alle imprese una verifica di ogni singola richiesta presente nelle cartelle ricevute. Oggi Comune e Astea hanno presentato un percorso per cercare di verificare ognuna delle 266 posizioni prevedendo anche delle procedure tecniche da attuare entro i 60 giorni dalla notifica, che saranno indicate alle aziende, ma ciò non toglie che si sarebbe dovuto e potuto procedere diversamente con accertamenti reali preventivi e non lavorando su cartelle già emesse a carico delle aziende. Numerosi sono gli imprenditori che si sono già rivolti ai nostri uffici e altrettanto numerosi sono quelli che stanno prendendo contatto in questi giorni. E’ del tutto evidente che la nostra organizzazione, nell’interesse delle Imprese rappresentate, intende supportare, con un pool di esperti, le stesse anche attraverso un’assistenza legale apposita per una verifica sulla legittimità di quanto richiesto”.

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X