facebook rss

Liberi e Uguali, Severini: “Due parole, sorelle gemelle”

OSIMO - Domenica scorsa, la referente per Osimo di Mdp art 1 ha parteciparto come delegata provinciale all’Assemblea Nazionale a Roma dove si è costituito il nuovo soggetto politico
Print Friendly, PDF & Email

Un ment dell’assemblea costituente di Liberi e Uguali a Roma

Argentina Severini referente per Osimo di Mdp art 1 ha partecipato domenica scorsa, 3 dicembre, all’assemblea nazionale di Roma. Ecco le sue sensazioni sulla nuova esperienza politica. “E’ stato bello, bellissimo partecipare come delegata provinciale all’Assemblea Nazionale a Roma con cui si è costituito il nuovo soggetto politico Liberi e Uguali, nato dall’incontro tra Possibile, Sinistra Italiana e Mdp art.1. – racconta – Un nome positivo che mette al centro due concetti cardine della società moderna, Libertà ed Uguaglianza, contenuti già negli assunti della Francia Rivoluzionaria di fine ‘700, ma mai abbastanza valorizzati nel loro immenso potenziale civile ed umano. Libertà ed Uguaglianza insieme, mano nella mano, perché gli ultimi decenni della nostra storia ci hanno spesso costretto a scegliere o l’una o l’altra, come fossero due realtà in antitesi tra loro, con l’effetto che la Libertà si è trasformata in arroganza, assenza di regole, ingiustizia sociale; mentre l’Uguaglianza è stata ridotta a frustrazione delle proprie attitudini ed ispirazioni personali, omologazione e oppressione del dissenso. Invece no.

Argentina Severini

Le due parole sono sorelle gemelle. Gemelle diverse, ma omozigote, nate dalla stessa cultura che fa uscire gli individui dalla condizione di sudditi per diventare cittadini. Gemelle che trovano il proprio compimento, solo se intercettano lo sguardo dell’altra dalla parte opposta dello specchio. Due parole al femminile, e forse anche per questo vale la pena crederci, con cui cercheremo di allargare gli orizzonti e superare gli steccati delle ideologie, per approdare agli Ideali che abbracciano e non dividono. Noi per questo ci saremo. E tutto ciò troverà la sua strada in un programma discusso, condiviso e partecipato con tutti coloro che vorranno far parte di questo progetto, che ha in sé il piacere sano dell’aria nuova e della scoperta: vi aspettiamo presto in piazza per parlarci un po’ e cercare di capire meglio chi siamo e dove andiamo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X