facebook rss

Conferenza nazionale edilizia:
premiato il Comune di Jesi

AMBIENTE - Il riconoscimento ritirato a Bologna dall'assessore Cinzia Napolitano per gli incentivi concessi dall'ente a chi ristruttura in un’ottica sostenibile
Print Friendly, PDF & Email

L’assessore Cinzia Napolitano di Jesi ritira il premio a Bologna

Gli incentivi concessi dal Comune di Jesi a chi ristruttura in un’ottica sostenibile diventano un caso di interesse nazionale e meritevoli di un riconoscimento attribuito alla nostra città durante la conferenza nazionale sull’edilizia tenutasi a Bologna. “È stata l’assessore all’ambiente Cinzia Napolitano a ritirare il premio, nel corso di una giornata che ha visto studiosi italiani ed internazionale focalizzare l’attenzione su temi ambientali ed efficienza energetica degli edifici. – spiega una nota stampa del Comune di Jesi – L’iniziativa era promossa sotto l’egida di Passivhaus, una delle certificazioni a cui anche il Comune di Jesi fa riferimento per verificare il rispetto degli standard sostenibili e dunque per concedere il beneficio economico conseguente”.

L’assessore Cinzia Napolitano di Jesi ritira il premio a Bologna

Il premio, in particolare, è stato attribuito per i contenuti previsti dal Comune nel nuovo allegato al regolamento edilizio che prevede una riduzione dal 50 al 70% del contributo di costruzione nelle ristrutturazioni, a cui si aggiunge una riduzione analoga negli oneri di urbanizzazione secondaria per i nuovi edifici a fronte di utilizzo di tecniche di edilizia sostenibile. “Non solo, – chiude il comunicato – per ciascuna tipologia di intervento, gli incentivi potranno essere incrementati di un ulteriore 20% qualora siano presenti almeno tre dei seguenti requisiti: un tetto giardino, l’impiego di materiali di origine naturale; un miglioramento dell’isolamento acustico di facciata di almeno il 30% rispetto ai minimi di legge, l’impiego di sistemi di accumulo di energia derivanti da fonti rinnovabili, un generatore a pompa di calore”.

Imu ridotta per le aree edificabili in 11 zone di espansione del Prg

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page