facebook rss

Morte di Hamid,
Cerioni: «Sconcerto e dolore in paese,
mai segnalati ai servizi sociali»

CUPRAMONTANA - La tragedia del piccolo di 5 anni trovato senza vita nell'appartamento di via Bonanni sconvolge la comunità locale, la famiglia era bene inserita nella cittadina
venerdì 5 Gennaio 2018 - Ore 12:48
Print Friendly, PDF & Email

Il piccolo Hamid con il papà Besart

 

La morte del piccolo Hamid scuote la piccola cittadina di Cupramontana, 4.600 abitanti nell’entroterra della provincia anconetana. La famiglia Imeri, il papà Besart, di origine macedone – in stato di fermo per la morte del bambino – è conosciuta in paese. Hamid, insieme al fratellino, frequentava regolarmente la scuola dell’infanzia di Cupramontana. «La città è nello sconcerto − afferma Luigi Cerioni, sindaco di Cupramontana −. Non ci sono parole per esprimere il dolore di una tragedia di questo tipo. Stiamo seguendo l’evoluzione delle indagini delle forze dell’ordine e della magistratura, ma l’ipotesi che sia stato il padre rende tutto più drammatico. Abbiamo subito avviato una verifica con gli uffici comunali, ma non c’è alcuna pratica aperta con i servizi sociali di sostegno alla famiglia ed anche dalla scuola che frequentano i figli della coppia non è mai arrivata alcuna segnalazione. La notizia è stata uno choc. Il paese sta vivendo un momento di dolore e sconcerto».

Il sindaco di Cupramontana, Luigi Cerioni

L’uomo, per il momento l’unico indiziato per la morte del bambino, vive da diversi anni in Italia. Insieme alla moglie 24enne, in attesa del terzo figlio, abita al primo piano di una palazzina di via Bonanni. Al secondo piano dello stesso edificio vivono i genitori del giovane che ha due fratelli residenti sempre a Cupramontana. La mamma di Hamid, dopo il malore accusato ieri sera (4 gennaio) venendo a conoscenza della morte del piccolo, è ancora ricoverata all’ospedale di Jesi, ma le sue condizioni di salute sono buone.

Per il momento il sindaco non ha proclamato il lutto cittadino. «Siamo in attesa dell’evolversi della situazione e delle verifiche delle autorità giudiziarie − riprende Cerioni −, poi decideremo le iniziative di cordoglio del Comune».

(A. C.)

Tragedia in famiglia: muore il figlio di 5 anni, il padre fermato dai carabinieri

 

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X