facebook rss

Bagarre in Consiglio sul terremoto
e sui ritardi per l’erogazione
dei Contributi autonoma sistemazione

FABRIANO - L'impasse della Regione, lo spunto per far emergere la polemica: "il sindaco non ha ritenuto giusto informarme i cittadini", dicono Fabriano Progressista e Pd. "Stiamo provvedendo a riorganizzarci", replica il Sindaco
venerdì 26 Gennaio 2018 - Ore 10:30
Print Friendly, PDF & Email

Ritardi sull’erogazione dei Contributi per l’Autonoma Sistemazione ai cittadini tra le polemiche delle opposizioni ieri in Consiglio Comunale. La nota congiunta del Pd Fabriano e Associazione Fabriano Progressista è stata letta dal consigliere dell’Associazione Fabriano Progressista Vinicio Arteconi. Secondo questi, nel Consiglio del 21 dicembre 2017, “alla richiesta di chiarimenti sul tema dei Contributi per l’Autonoma Sistemazione, il Sindaco Gabriele Santarelli non ha ritenuto opportuno di informare le forze politiche e i cittadini sul ritardo nella liquidazione dei contributi, per le mensilità di Ottobre e Novembre”, ma ne ha spiegato le cause imputabili alla Regione sul settimanale diocesano L’Azione. “Sarebbe tutto fin troppo chiaro – proseguono –  se non fosse che da una semplice verifica presso gli organi competenti, alcuni cittadini sono venuti a conoscenza del fatto che le risorse destinate al Contributo per l’Autonoma Sistemazione per i cittadini fabrianesi (così come per tutti i comuni della Regione colpiti dal Sisma) sono stati erogati per la mensilità di ottobre con decreto del 14.12.2017” e per quella di novembre con decreto di cinque giorni dopo e che erano a disposizione del comune “rispettivamente dal 19.12.2017 e dal 21.12.2017. Ciò nonostante, a distanza di oltre un mese, i cittadini fabrianesi non hanno ancora ricevuto i contributi per l’autonoma sistemazione per le mensilità di ottobre e novembre 2017”. Insomma il fulcro dell’accusa sarebbe la risposta del sindaco data su facebook “di ricerca di inesistenti responsabilità altrui”, e cioè “che i ritardi non sarebbero colpa degli Uffici della Regione Marche, ma della chiusura natalizia della tesoreria bancaria e della necessità di aggiornare i codici IBAN dopo il passaggio di Veneto Banca ad Intesa San Paolo”, integrazione dei sistemi informatici fatta – a quanto ritengono le opposizioni in polemica – entro l’11 dicembre scorso, in tempo utile quindi per fare tutte le erogazioni.  “Il Sindaco ha infatti omesso di informare che la Regione Marche ha provveduto all’erogazione dei C.A.S. anche per il mese di dicembre con un decreto lo scorso 19 dicembre. Fatto di per sé positivo – concludono – se non fosse che i fabrianesi, a differenza degli abitanti degli altri Comuni terremotati, dovranno attendere altro tempo per riscuotere il contributo, poiché il Comune di Fabriano ha omesso di comunicare tempestivamente i dati del proprio fabbisogno per la mensilità di dicembre”.

Il sindaco Santarelli ha dato la sua risposta, sostenendo che la quantità delle pratiche legate ai C.A.S. e alle verifiche successive abbia rallentato i lavori degli uffici, come per “il ritardo del mese di luglio, con un decreto prodotto il 30 ottobre” e ha sottolineato che proprio grazie alle pressioni “fatte dai sindaci del cratere la Regione ha velocizzato le sue procedure negli ultimi tempi, come per la liquidazione dei mesi di novembre e gennaio, arrivata dalla Regione in anticipo rispetto alle precedenti”. Per Santarelli la Regione è in affanno ed è un problema comune, e il Comune di Fabriano si sta organizando “programando anche alcune assunzioni” specifiche. Inoltre Santarelli ha riepilogato le erogazioni degli ultimi mesi in un post, oggi su facebook, in cui si notano i passaggi di giorni tra le comunicazioni dei fabbisogni del Comune, i decreti regionali e le erogazioni, dichiarando: “Dal riepilogo si evince in modo oggettivo quali sono le tempistiche al di là di ogni tentativo di strumentalizzazioni che, sono certo, non mancheranno nemmeno stavolta. (S.B.)

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X