facebook rss

Allusioni sessuali in classe,
al liceo arrivano i carabinieri:
prof allontanato

ANCONA - Si tratta di un docente che questa mattina, nonostante il periodo di malattia, si è presentato ugualmente in classe. Nel bel mezzo della lezione, avrebbe infastidito le alunne con frasi osè. E secondo quanto trapelato, il comportamento dell'uomo andrebbe avanti da mesi
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

 

Invece di stare a casa per malattia, si è presentato in classe per fare regolarmente lezione, sostituendo in aula il supplente. Ma tra un insegnamento e l’altro, avrebbe anche trovato il tempo per delle allusioni sessuali, rivolte a delle studentesse minorenni. Allusioni che, secondo quanto trapelato, non sarebbero state fatte questa mattina per la prima volta da un professore di mezza età di un liceo del capoluogo. Provocazioni, frasi velate e riferimenti al sesso riecheggerebbero nelle aule dell’istituto da alcuni mesi. Così, quando oggi una studentessa ha avvisato i genitori dell’arrivo inaspettato del prof in classe, è partita anche una chiamata al 112. All’istituto è arrivata una pattuglia dei carabinieri della stazione Centro per risolvere la situazione. Raccolte le testimonianze e parlato con la preside, si è deciso di allontanare il docente dalla scuola con un provvedimento disciplinare. Per ora, non è partita nessuna denuncia formale da parte dei genitori e, ovviamente, senza quella non ci saranno le indagini. Le dichiarazioni delle minori sulle presunte allusioni sessuali sono tutte da appurare. Secondo i loro racconti, il prof – sia durante le lezioni che tramite conversazioni whatsapp – avrebbe cercato di attirare l’attenzione delle studentesse attraverso riferimenti sessuali, frasi hot e allusioni a luci rosse. Tutti nei confronti di minorenni. In due sarebbero state prese di mira. Una sarebbe stata intercettata su whatsapp, dove il docente le avrebbe inviato, oltre ai messaggi, foto di casa sua, invitandola a raggiungerla, e canzoni. Da quanto emerso, a tal proposito, i genitori delle alunne avrebbero già avuto un incontro chiarificatore con la preside. Questa mattina, la situazione è degenerata, quando l’insegnante – dopo una decina di giorni passati in malattia – è tornato al lavoro, spodestando il supplente. A metà mattina, il prof avrebbe iniziato con le solite allusioni, facendo scattare l’allarme delle alunne. Una è riuscita a chiamare i genitori che, a loro volta, hanno allertato i carabinieri per verificare la situazione all’interno del liceo. Occorre ribadirlo: non è partita nessuna denuncia e le affermazioni delle studentesse sono tutte da provare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X