facebook rss

“Un bilancio pre-elettorale”,
la Mariani boccia i conti

OSIMO - La capogruppo del Gruppo Misto ieri non era in aula per impegni pregressi ma evidenzia che "tra le colonne ci sono quasi 4 milioni di euro in meno rispetto al 2017 e tagli in tutti i settori. Mancano soprattutto gli introiti derivanti dagli utili Astea. Dissesto vicino?"
Print Friendly, PDF & Email

La sala Gialla

“Comune di Osimo: Bilancio bluff. Tante promesse. Fatti zero”. La consigliera Maria Grazia Mariani, assente in consiglio comunale per impegni pregressi, non ha votato il bilancio pluriennale licenziato ieri dalla Sala Gialla ma lo liquida come “un bilancio pre-elettorale. Quasi 4 milioni di euro in meno rispetto al 2017 nel Bilancio di Previsione 2018 e tagli in tutti i settori – rileva in una nota stampa – Il sindaco ha dichiarato che la Asso continuerà a svolgere i servizi come sempre. Non dice però che la Asso per evitare contestazioni da parte dell’Ispettorato del Lavoro che ha già sanzionato l’azienda per 300mila euro perchè utilizzava quasi 200 lavoratori in nero, si affida all’Auser, una associazione di volontariato. Quest’ultima garantisce la maggior parte dei servizi del Comune di Osimo con volontari, che poi tanto volontari non sono perchè senza di loro il servizio non ci sarebbe. Volontari pagati con un compenso fisso (mascherato sotto il rimborso spese?) che spesso non supera i 4 euro l’ora, senza contributi nè alcun altro diritto, ma solo il dovere di lavorare”.

Maria Grazia Mariani nella Sala Gialla

Secondo la Mariani il “sindaco poi si è vantato delle nuove assunzioni previste per il 2018. In realtà si tratta solo di un turn-over dei tanti pensionamenti. – sottolinea la capogruppo el Gruppo Misto- Comunque questa amministrazione fino adesso ha assunto sempre senza concorsi pubblici ed ha già dimostrato di non saper gestire il personale: lo dimostra i “fuggi fuggi” di tanti dipendenti in altre amministrazioni. Basta dire che non è stata capace neanche di pagare la tredicesima mensilità nei tempi di legge”. Guardando invece il settore delle Opere Pubbliche “in quattro anni – prosegue la Mariani -non sono riusciti a chiudere neanche una buca. I 500.000 euro stanziati per la manutenzione di alcune strade sono fermi per problemi burocratici. Di questo passo non saranno sufficienti neanche per sistemare le voragini create dagli spazzaneve in tantissime strade cittadine. Il Cinema Concerto, era tutto apposto con i frati. Qualcuno sa che fine ha fatto? Le scuole? Sarà un peso troppo grande per il futuro degli osimani. Oggi siamo tutti felici che saranno realizzate dal Ministero, ma nessuno dice che “domani” gli osimani dovranno rimborsare, seppure a rate, ogni centesimo speso”. Come già rilevato dalle opposizioni in aula, anche la consigliera Maria Grazia Mariani ricorda che “in bilancio non ci sono più gli introiti derivanti dagli utili Astea a causa della politica scellerata del Pd di dismissione di una delle società che produceva i massimi profitti. Le sorti di Osimo sono segnate: il dissesto non è lontano”.

Osimo approva il bilancio, le minoranze non lo votano

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X