facebook rss

I volontari, la campionessa
e il medico pioniere: Ancona ringrazia
i suoi “figli eccellenti” Foto

ANCONA – Consegnate le benemerenze civiche e le due medaglie d'oro alla 18enne Giorgia Speciale e alla memoria al fondatore del centro trasfusionale Mario Piani. Il sindaco Mancinelli: “Rendiamo onore ai nostri concittadini che hanno interpretato al meglio il loro ruolo di componenti della comunità”
Print Friendly, PDF & Email

 

Il gruppo dei premiati con le civiche benemerenze, i “figli eccellenti” di Ancona

 

La campionessa del mondo di windsurf, Giorgia Speciale riceve il Ciriachino d’oro dal sindaco Valeria Mancinelli

 

di Emanuele Garofalo

(foto di Giusy Marinelli)

Sono le medaglie della memoria e del ringraziamento per il lavoro svolto a favore di tutti, ma anche quelle delle speranza nelle giovani generazioni. Simbolo indiscusso di questi anconetani di domani è senza dubbio la neo 18enne Giorgia Speciale, Ciriachino d’oro di quest’anno dopo aver fatto incetta a livello mondiale di titoli e riconoscimenti come atleta del windsurf. «Sono i nostri figli migliori, i nostri concittadini che hanno interpretato al meglio il loro ruolo di componenti della comunità» ha commentato il sindaco Valeria Mancinelli, in apertura della cerimonia di consegna delle benemerenze civiche, in occasione della giornata di San Ciriaco. «Una giornata che è nella storia e nell’identità della città. Non è retorica, ma un appuntamento davvero sentito. Viviamo al meglio questo momento di identità, bello e foriero di linfa vitale» ha aggiunto Mancinelli.

Al centro Giorgia Speciale, a sx la presidente della Sef Stamura, Donatella Montanari, a dx il sindaco Valeria Mancinelli

Ecco dunque i premiati del 2018. Il Ciriachino d’oro alla memoria va al medico Mario Piani, scomparso quest’anno, “antropologo dell’altruismo, professionista geniale e generoso” come si legge nelle motivazioni per il riconoscimento al medico fondatore del Dipartimento interaziendale di Medicina Trasfusionale e direttore per due decenni del servizio emo trasfusionale di Torrette. A ritirare la medaglia è stata la moglie, Patrizia. Altra medaglia d’oro è andata alla giovanissima atleta Giorgia Speciale. Podio in cinque Campionati Mondiali (3 ori e 2 argenti) e in tre Campionati Europei (3 ori), è l’atleta che nella storia del windsurf giovanile ha vinto di più al mondo. Ma la scelta della giunta è caduta su di lei anche per il senso di responsabilità che ha dimostrato nel conciliare carriera sportiva con lo studio e par la sua disponibilità verso la sua città di origine che spesso la coinvolge in eventi dedicati ai giovani. Emozionata sul palco dell’auditorium della Mole, nonostante Giorgia sia abituata a ricevere premi e medaglie. «Fa un grande effetto ricevere il Ciriachino, sono molto orgogliosa» ha commentato Giorgia. «Ricevere un premio dalla propria città è una grossa emozione, la città che sono felice di portare in giro per l’Italia e nel mondo». La testa è già ai prossimi traguardi. «L’obiettivo importante della stagione sono le olimpiadi giovanili in Argentina di ottobre. Si punta al massimo» ha aggiunto Giorgia, promettendo nuovi incredibili risultati.

I coniugi Marta Marinelli e Giuliano Pacetti, fondatori del gruppo scout di Pietralacroce

Pioggia di benemerenze poi per i tantissimi volontari e imprenditori che da anni si impegnano sul lavoro e nel sociale per far crescere e vivere Ancona. Tra i premiati, Gianmario Strappati, giovanissimo musicista, solista di tuba, di incredibile talento, protagonista di una carriera sensazionale nei più prestigiosi festival europei e già premio Nino Rota; alla memoria di Umberto Micucci, pittore anconetano scomparso nel 2004, che ha portato in tutto nel mondo, fino in Australia, l’immagine di Ancona con i suoi scorci della campagna e del mare; alla casa di accoglienza Dilva Baroni, intitolata ad una donna di grande umanità e coraggio nella malattia, è attiva dal 1988 ad opera della parrocchia di Torrette. Svolge da allora un prezioso servizio nei confronti dei ricoverati e ai loro familiari; all’associazione ADA Marche, che si occupa da tempo degli anziani, promuovendo progetti e iniziative rivolti alla riduzione della solitudine e dell’inattività e al suo presidente Andrea Marini, attivo nella realtà sindacale e nel volontariato su più fronti, sempre in favore di anziani e persone fragili. Attestato di benemerenza della città di Ancona anche alla memoria di Daniele Traversetti, il volontario Caritas scomparso improvvisamente di recente mentre era in strada, esempio di abnegazione e generosità; all’istruttore sportivo Fabrizio Cantarini, ai medici specialisti Raffaella Pagni e Roberto Ricciotti e all’infermiera Alice Franceschetti per avere salvato la vita di una frequentatrice del Centro Sportivo Eschilo Conero che rischiava di annegare in seguito ad un malore in piscina; alla coppia di coniugi Marta Marinelli e Giuliano Pacetti, due colonne di Pietralacroce. Festeggiano quest’anno gli 80 anni, negli anni ’70 hanno fondato il primo gruppo scout del quartiere. Alla Mole tutta la famiglia numerosa, ben 13 nipoti, si è fatta sentire per salutare i coniugi Pacetti sventolando i foulard degli scout. Al dipendente dell’Azienda ospedaliera di Torrette Domenico Marsala, lavoratore modello a lungo in servizio al Pronto Soccorso per il suo comportamento sempre disponibile e accogliente verso pazienti e colleghi. Un attestato di civica benemerenza anche per il professore di lettere e scrittore Nicola Campagnoli, come fondatore del centro di aiuto allo studio del Piano, che da anni sostiene i ragazzi con disagio economico e sociale. A Marino Chitarroni il riconoscimento come volontario per il decoro della frazione del Ghettarello. E ancora: ai volontari dell’Associazione nazionale Vigili del Fuoco, sezione di Ancona, per il loro impegno capillare nelle scuole e nelle piazze con lo scopo di diffondere la cultura della sicurezza e per la creazione del Museo dei Vigili del Fuoco; al Circolo di Mutuo Soccorso di Gallignano per la costante manutenzione del verde e del decoro della frazione; al Comitato Villa Turris che opera nel quartiere di Torrette combattendo il degrado su più fronti; e a tre attività commerciali “storiche”, che hanno tenuto testa ai cambiamenti e alla crisi, con tenacia e non pochi sacrifici: la Trattoria La Moretta di Massimo Bilò, la Trattoria Villa Romana di Mara Giantomasso e la Gioielleria Rosi, portata avanti dalla moglie di Giorgio Rosi, Gina Panariello e dalla figlia Giorgia, dopo la scomparsa quest’anno dello storico orefice.
Numerosi anche i riconoscimenti per gli atti di coraggio e altruismo degli uomini delle forze dell’ordine. Ai carabinieri Giuseppe Caiazzo e Claudio Leuzzi, rispettivamente comandante e addetto della stazione dei carabinieri Brecce Bianche, per la grande disponibilità in servizio e l’ottimo rapporto con istituzioni e cittadinanza; agli agenti della Questura di Ancona Geremia Lazzari e Maurizio Sagrini, per avere gestito una situazione di pericolo con un persona che stava per appiccare un incendio all’interno degli Uffici Enel e agli agenti e operatori Pierpaolo Lanci, Riccardo Marucci, Andrea Ottaviani e Andrea Badiali per avere salvato una donna con intenti suicidi; al maresciallo della Guardia di Finanza Giovanni Baiano per avere soccorso un passante assalito da due malviventi che intendevano derubarlo; ai Vigili del Fuoco Daniele Imperiale e Giuliano Casci per avere – il primo- salvato due bambini in mare a rischio di annegamento a Fano; per avere rianimato – il secondo – un profugo colto da malore a Senigallia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X