facebook rss

Saltano le lezioni e vanno a bere
vodka nella scuola inagibile:
cinque studenti nei guai

OSIMO - Stamattina il blitz della polizia locale di Osimo nella aule dismesse delle Medie Leopardi. I ragazzi, tre 17enni e due 18enni, di Osimo, Castelfidardo e Ancona, sono stati identificati e rischiano una denuncia per occupazione di edificio pubblico. Il plesso scolastico di via Michelangelo è chiuso dal 2008 per problemi di staticità aggravati dal terremoto del 2016. Corsa contro il tempo dei tecnici comunali per rafforzare le misure anti intrusione
Print Friendly, PDF & Email

La volante del commissariato e le pattuglie della Pm di Osimo nella vecchia scuola media Leopardi

Marinano la scuola e vanno a bere vodka in gruppo nella aule della vecchia scuola Media ‘Leopardi’ di Osimo, dismesse da un decennio. Il blitz degli agenti della Polizia locale nel plesso scolastico di via Michelangelo è scattato stamattina verso le 11. Alcuni residenti avevano telefonato allarmati al comando per riferire che c’erano persone all’interno della scuola abbandonata. Quando i vigili urbani sono arrivati sul posto i vigili urbani hanno subito notato che la porta d’ingresso era socchiusa. Dopo essersi introdotti nei locali, ci hanno trovato cinque ragazzi, di età compresa tra i 17 ed i 18 anni: tre minorenni (due osimani e un fidardense) e due maggiorenni (un osimano e un anconetano), che avevano disertato le lezioni di un istituto superiore di Osimo e avevano pensato di trascorrere la mattinata riuniti in quelle aule deserte a bere e fumare sigarette. La Pm ha richiesto il supporto di una volante del Commissariato di Osimo e dopo aver identificato tutti i presenti, ha lasciato andare i 18enni mentre i minori sono stati affidati alla custodia dei rispettivi genitori, chiamati a riprenderli. In queste ore si sta valutando se denunciare i cinque studenti per il reato di occupazione di edificio pubblico.

Le medie Leopardi sono da tempo nell’elenco dei beni alienabili del Comune di Osimo e presto entreranno nel fondo immobiliare di garanzia collegato al progetto del Miur èper la realizzazione della nuove scuole di Campocavallo e San Biagio. L’imprevisto di stamattina apre a nuovi problemi. La scuola è sgtata chiusa perché dichiarata inagibile nel 2008. Il terremoto del 2016 ha reso ancora più fragile la struttura ed è pericoloso entrarci dentro perchè è a rischiol di crolli. La bravata dei ragazzi insomma poteva avere conseguenze ben più gravi. Dopo lo sgombero di stamattina, la scuola è stata chiusa di nuovo da personale dell’Ufficio Tecnico del Comune che nei prossimi giorni verranno rafforzate le misure anti intrusione.

il portone d’ingresso aperto della scuola di via Michelangelo

Nuove scuole di Campocavallo e San Biagio, Osimo entra nel fondo immobiliare del Miur

Piano delle alienazioni: ecco quali terreni e palazzi venderà il Comune di Osimo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X