facebook rss

L’agenzia viaggi sparisce
con l’incasso, clienti beffati
Adiconsum: «Denunciateli»

CASTELFIDARDO – Pioggia di segnalazioni all'associazione dei consumatori per la chiusura a sorpresa e senza preavviso dell'agenzia. Viaggiatori rimasti senza biglietti e prenotazioni dopo aver pagato per le loro vacanze, o addirittura clienti lasciati senza soggiorno o voli di ritorno
Print Friendly, PDF & Email

(foto d’archivio)

 

Prenotazioni cancellate o mai esistite, biglietti non consegnati, saldo del soggiorno mai versato al tour operator. L’agenzia viaggi sparisce con l’incasso, sfumano i sogni di vacanze dei clienti. E’ quanto denuncia l’Adiconsum Marche, che segnala il caso dell’agenzia Vanilla Viaggi di Castelfidardo. L’associazione dei consumatori racconta di aver ricevuto una raffica di segnalazioni da parte dei clienti beffati. “Ci stiamo muovendo su più fronti con l’obiettivo prioritario di far recuperare ai consumatori quanto versato per l’acquisto dei viaggi” spiega l’Adiconsum regionale. I clienti dell’agenzia avrebbero visto sfumare a pochi giorni dalla partenza la possibilità della vacanza, pagata in anticipo. La Vanilla Viaggi infatti avrebbe chiuso improvvisamente i battenti pochi giorni fa e la titolare sarebbe irreperibile, dopo aver ottenuto il saldo delle prenotazioni delle vacanze di numerosi clienti per i viaggi di questa estate. I clienti sarebbero stati invitati ad effettuare il saldo delle prenotazioni per le vacanze di luglio e agosto già prenotate da mesi, ma al momento di recarsi in agenzia per ritirare biglietti e voucher per la partenza hanno trovato la saracinesca abbassata e la titolare irrintracciabile telefonicamente. Alcuni si sarebbero ritrovati addirittura in vacanza senza prenotazioni dei soggiorni oppure dei voli di ritorno, costretti perciò a sborsare ulteriori e ingenti cifre per rientrare a casa. “Adiconsum Marche sta provvedendo a verificare, con una richiesta inviata al Comune di Castelfidardo, il rispetto dell’obbligo assicurativo da parte della agenzia viaggi, secondo le previsioni normative nazionali e regionali” spiega l’associazione regionale dei consumatori. “È una vicenda spinosa, che non avrà probabilmente una soluzione immediata; ne attendiamo i prossimi sviluppi per valutare come procedere e con quali modalità agire – conclude Adiconsum -. Nel frattempo invitiamo tutti i consumatori coinvolti a sporgere immediatamente querela alle autorità competenti, che si stanno già occupando del caso. Gli uffici Adiconsum Marche restano a disposizione per i chiarimenti, gli aggiornamenti e l’assistenza del caso”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X