facebook rss

Smog a Osimo Stazione,
la Sala Gialla discute
la deviazione dei Tir

OSIMO - All'ordine del giorno del consiglio comunale di domani mattina c'è la discussione sullo stop al traffico pesante dalla Statale 16 sulla Direttissima del Conero, in determinati orari della giornata, proposto dal gruppo consiliare delle Liste civiche
Print Friendly, PDF & Email

La consigliera Monica Bordoni durante la protesta pacifica dei residenti della frazione osimana contro l’inquinamento

All’ordine del giorno del consiglio comunale convocato per domani mattina a Osimo  è stato iscritto  anche un ordine del giorno presentato dalle Liste Civiche in materia di deviazione del traffico pesante dalla SS16 km 313,904 sulla Cameranense o sulla A/14 tratto Ancona Sud/Portorecanati Le Liste Civiche hanno raccolto le istanze dei cittadini della frazione di Osimo Stazione ed Abbadia preoccupati della situazione della viabilità , per portare il problema all’attenzione del civico consesso. I Civici, con dati alla mano chiedono alla Amministrazione di farsi parte attiva nei confronti degli Enti competenti affinché si possa addivenire ad un accordo condiviso per la deviazione del traffico pesante verso la strada Provinciale Cameranense da imboccare in prossimità dell’Aspio dalla Direttissima del Conero , per coloro che transitano dalla direzione Nord verso Sud oppure dal nuovo cavalcavia 167 Castelfidardo/Camerano, per chi viaggia provenendo dalla direzione Sud verso Nord, considerando anche l’ipotesi di deviare i Tir in Autostrada nel tratto Ancona Sud /Portorecanati , al fine di bypassare completamente il centro abitato della frazione di Osimo Stazione.

Una protesta del Comitato Salute e Ambiente di Osimo Stazione

“In questo primo approccio – spiega in una nota  stampa la consigliera Monica Bordoni (Liste civiche) – la richiesta limita la deviazione ai mezzi superiori alle 7,5 tonnellate da effettuarsi con un’ordinanza, come prevede L’articolo 6 e 7 della Regolamentazione della circolazione nei centri abitati. I dati Anas Forniti parlano chiaro: i volumi medi di percorrenza del tratto relativo ai veicoli pesanti superano il flusso degli 800 mezzi al di complessivi in entrambe le direzioni / giorno ( il giorno esaminato 27/1/2017) con una concentrazione nella fascia oraria dalle 6-20, mentre se parliamo di volumi medi per quanto concerne i veicoli leggeri il totale del flusso dei veicoli leggeri raggiungono i 20000 complessivi / giorno. È chiaro. Che tutto questo traffico genera un livello di sicurezza stradale fuori controllo . Infatti se analizziamo ancora i dati di cui sopra il prospetto Anas dice anche che la velocità media di tutti i mezzi supera i 70 km orari. Alla luce tutto ciò è urgente quanto necessario ripensare ad un piano sicurezza stradale per i pedoni mediante dispositivi che possano in qualche modo essere limitatori di velocità, oltre che intervenire in maniera adeguata con una segnaletica, sia verticale che orizzontale, in tutta la frazione, non solo sulla SS16, per i motivi sopra esplicitati, con le adeguate tecnologie in campo di pubblica illuminazione”.

Assestamento di bilancio 2018 , entrano i 137mila euro di donazioni per il piccolo Samuel

Nuove scuole di Osimo, la Sala Gialla vota le varianti urbanistiche

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X