facebook rss

Truffe agli anziani,
87enne consegna l’oro
e poi accusa un malore

ANCONA – E' il secondo caso segnalato in giornata, stavolta il colpo dei truffatori è andato a segno nel quartiere Adriatico. La donna è stata soccorsa per essersi sentita male, dopo aver capito il raggiro. La polizia dà la caccia ai malviventi
martedì 7 agosto 2018 - Ore 18:53
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

Truffa del falso carabiniere, il secondo tentativo della giornata va a segno. Raggirata una 87enne del quartiere Adriatico, che dopo essersi accorta della frode ha accusato un malore. Il copione è sempre lo stesso. “Suo figlio ha avuto un incidente stradale, deve pagare la copertura assicurativa per non incorrere in guai giudiziari”. Così avrebbe recitato l’uomo, che si è presentato attorno alle 17 alla porta dell’anziana residente in via Cadorna come un presunto avvocato. La donna ha creduto alla storia e presa alla sprovvista ha consegnato oro e gioielli che teneva nel comodino della camera da letto. Solo una volta che il finto avvocato si è allontanato, la 87enne ha chiamato il figlio per accertarsi delle sue condizioni di salute e dalla conversazione tra i due è stato subito chiaro che l’anziana era stata vittima di un raggiro. La donna è stata quindi colta da un malore ed è stato necessario l’intervento dei volontari della Croce Gialla di Ancona per soccorrerla. L’anziana ha rifiutato il ricovero in ospedale e si è ripresa, mentre sul posto è arrivata anche la polizia per cercare di rintracciare il truffatore. Non è stato il primo caso della giornata: già in mattinata il falso avvocato e il falso maresciallo dei carabinieri erano entrati in azione e aveva cercato di ottenere un appuntamento chiamando a casa di un’altra donna anziana. In questo caso, avevano chiesto un risarcimento di 4mila euro, sempre con la stessa scusa dell’incidente accaduto al figlio. Prima la solita storia raccontata dal falso avvocato, quindi il falso maresciallo che interviene nella conversazione telefonica per confermare il racconto, ma a questo punto la vittima si è insospettita ed ha chiesto di parlare con suo figlio. Scoperti, i due malviventi avevano desistito dalla loro truffa. Torna quindi l’allarme per la cosiddetta truffa “del falso carabiniere”, nel febbraio del 2017 una vasta indagine coordinata dalla procura di Ancona aveva portato all’arresto di un’intera banda di truffatori composta da 6 persone che si erano proprio specializzate in questo tipo di raggiro, prendendo di mira il territorio di Ancona, Fermo e Macerata.

 

Truffa del falso carabiniere, cercano di sfilare 4mila euro L’anziana non ci casca

Truffe agli anziani, si fingono avvocati e carabinieri per spillare soldi: sei arresti

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X