facebook rss

Travolto dal trattore si salva,
imprenditore muore
stroncato da infarto a 50 anni

OSIMO - Il funerale di Mirko Taffi sarà officiato oggi pomeriggio nel santuario di Campocavallo, dove viveva con la moglie. Quattro anni fa era rimasto vittima di un grave infortunio sul terreno dell'azienda agricola dei figli a Montefano
sabato 22 Settembre 2018 - Ore 10:27
Print Friendly, PDF & Email

Il santuario di Campocavallo dove oggi pomeriggio si svolgeranno i funerali di Mirko Taffi

Mirko Taffi

Il 16 febbraio 2014 aveva rischiato di morire schiacciato sotto l’estirpatore che stava trainando con un trattore, sul terreno dell’azienda agricola dei suoi figli Eros e Luca in via Imbrecciata, nelle campagne ai confini tra Montefano e Filottrano. Il mezzo si era inceppato e l’imprenditore osimano Mirko Taffi, al tempo 46enne, era sceso dal posto guida per verificare che cosa fosse successo. Per cause imprecisate il cingolato si è rimesso in moto e sfrenandosi lo aveva travolto in pieno con l’attrezzo trainato. La moglie di Taffi, Fabiola, che si trovava poco distante dal luogo dell’incidente, sentendolo gridare gli aveva portato i primi soccorsi. L’uomo, amante di viaggi  anche  nella natura incontaminata e selvaggia del Continente Nero, era stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico ed era rimasto ricoverato per giorni in prognosi riservata all’ospedale regionale di Torrette di Ancona. Quattro anni e mezzo dopo quell’episodio che ha sfiorato la tragedia, mercoledì scorso, 19 settembre, Mirko Taffi è morto fulminato da un infarto cardiaco mentre stava lavorando nella sua attività che realizza impianti elettrici. Inutili i soccorsi sanitari e i tentativi di rianimarlo messi in atto dal medico del 118. Il funerale dell’imprenditore si svolgerà oggi pomeriggio alle 15.30 nel Santuario di Campocavallo, parrocchia di riferimento della famiglia che vive nella frazione osimana. Dopo il rito religioso la salma proseguirà per la cremazione.

Incidente con il trattore, 47enne ricoverato a Torrette

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X