facebook rss

Fosso San Sebastiano
maleodorante e ‘colorato’:
sopralluogo di Arpam e Forestali

FALCONARA  - Si attende il risultato delle analisi sui campioni di acqua prelevati alla presenza dei funzionari dell'ufficio Ambiente del Comune di Falconara. Arriveranno entro tre settimane. Tra le ipotesi, quella di una fioritura batterica di origine naturale
martedì 25 Settembre 2018 - Ore 17:07
Print Friendly, PDF & Email

L’odore e la colorazione anomali del fosso San Sebastiano hanno fatto attivare l’ufficio Ambiente del Comune di Falconara ieri, lunedì 24 settembre: dopo la segnalazione dei cittadini i tecnici comunali hanno effettuato un sopralluogo nell’area di via dell’Artigianato, fino all’incrocio con via del Consorzio, nel tratto che costeggia il corso d’acqua e per contenere la diffusione di eventuali sostanze hanno predisposto balle di fieno, che funzionano da filtro meccanico. L’ufficio Ambiente, nella stessa giornata di lunedì 24 settembre, ha chiesto l’intervento dell’Arpam i cui tecnici hanno campionato l’acqua del fosso e sottoporranno i campioni ad analisi. Oggi, martedì 25 settembre, un nuovo sopralluogo è stato svolto dai carabinieri forestali del Comando stazione di Ancona, che hanno esaminato anche il tratto a monte di via dell’Artigianato per individuare eventuali fonti di provenienza di sostanze. I militari non hanno individuato scarichi attivi e una delle ipotesi è che possa trattarsi di una fioritura batterica di origine naturale. Sarà però necessario attendere il risultato delle analisi per accertarlo. Al sopralluogo di questa mattina era presente anche l’assessore all’Ambiente Valentina Barchiesi. «Il risultato delle analisi dell’Arpam è atteso entro tre settimane – è il commento dell’assessore Barchiesi – e ci permetterà di capire se il fenomeno è legato, per esempio, alla fermentazione di sostanze vegetali o se il fosso è stato oggetto di uno scarico illecito». In occasione di entrambi i sopralluoghi è stata notata la presenza di polistirolo nel corso d’acqua, proveniente da un’azienda vicina, trasportato dal forte vento di lunedì mattina. All’azienda è stato imposto di recuperare il materiale.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X