facebook rss

Servizio idrico:
via libera alla tariffa unica

L'ASSEMBLEA dell'Ato3 ha approvato all'unanimità il provvedimento che riguarderà anche i Comuni di Filottrano, Osimo, Castfledardo, Loreto, Numana e Sirolo
Print Friendly, PDF & Email

L’assemblea dell’Ato3

 

Servizio idrico: via libera alla tariffa unica. Oggi, l’Assemblea d’ambito territoriale ottimale Marche Centro – Macerata ha approvato all’unanimità due importanti provvedimenti.  Un provvedimento che coinvolgerà anche alcuni Comuni della provincia di Ancona che ricadono sotto la giurisdizione dell’Aato3, quali Filottrano, Osimo, Castelfidardo, Loreto, Numana e Sirolo. Con il primo sono stati aggiornati i documenti di pianificazione del servizio idrico integrato attraverso i quali sono state recepite le ultime novità introdotte dall’Autorità nazionale (ARERA) in termini di adeguamento degli standard tecnici di qualità del servizio. Sono stati in particolare individuati obiettivi incentivanti per i gestori operanti nel territorio nel prossimo biennio al fine di garantire un servizio di qualità sempre migliore. Ma certamente il provvedimento che desta maggiore interesse è l’approvazione dell’articolazione tariffaria unica d’Ambito. Grazie ad un lungo e complesso iter istruttorio avviato alla fine dello scorso anno è stato possibile definire una struttura dei corrispettivi unica che verrà applicata in gran parte dell’Ato 3 Macerata. «Sono estremamente soddisfatto – commenta il sindaco Francesco Fiordomo – della conclusione positiva e della votazione favorevole all’unanimità di questo provvedimento e penso sia una decisione per certi versi storica. A partire da oggi, saranno applicate le stesse tariffe a più dell’80% delle utenze sul nostro territorio, superando le ingiustificate differenze presenti fino ad oggi. Questo provvedimento è un ulteriore passo avanti verso il gestore unico d’ambito, grazie al quale potranno essere attuate le economie di scala e di scopo necessarie per una riduzione delle tariffe attuali. Assicurare la realizzazione dell’ingente Piano degli interventi previsti nei prossimi anni servirà per erogare un servizio con livelli di qualità sempre crescenti. Gli investimenti previsti permetteranno un adeguamento delle infrastrutture, soprattutto in termini di riduzione delle perdite idriche». L’articolazione unica d’ambito verrà applicata in tutta la fascia collinare e marittima dell’Ato 3, con decorrenza dal primo gennaio 2018. Rimane esclusa la parte montana nei cui comuni continuerà ad essere applicata la struttura tariffaria previgente.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X