facebook rss

“Siamo come le aquile”,
il messaggio positivo
della poetessa Maria Lampa

CASTELFIDARDO - Successo per il decimo appuntamento di 'Incontriamoci tra le righe' , l’evento artistico, culturale e sociale organizzato oggi al Klass Hotel di Castelfidardo
domenica 21 Ottobre 2018 - Ore 15:05
Print Friendly, PDF & Email

Un momento dell’incontro pubblico al Klass Hotel di Castelfidardo, organizzato da Maria Lampa

Siamo come le aquile e abbiamo il dovere di dare al mondo il meglio di noi’. E’ questo il messaggio lanciato dalla scrittrice Maria Lampa a “Incontriamoci tra le righe”, l’evento artistico, culturale e sociale, giunto alla sua decima edizione e tenutosi stamattina, 21 ottobre, al Klass Hotel di Castelfidardo. La conquista personale è stato il tema attorno al quale si sono confrontati giornalisti, filosofi, artisti, atleti, imprenditori, musicisti e registi. Un dibattito proficuo che, attraverso la contaminazione tra vari linguaggi artistici, ha posto l’accento sul sacrificio, sull’impegno, sul lavoro costante, sul coraggio e sulla determinazione, quali valori determinanti per conseguire i propri traguardi personali. Un tema centrale nell’esistenza di ogni persona, dal momento che è proprio la possibilità di realizzare un obiettivo a rendere la vita appassionante e appagante. ‘Dobbiamo avere sane e alte ambizioni’ ha spiegato l’organizzatrice Maria Lampa, la quale ha ricordato che ‘la conquista è alla base di ogni successo’. Non il solito convegno, ma una giornata ‘festa, condivisione e arricchimento, in un clima amichevole che da sempre ci caratterizza e che è apprezzato dalle numerose persone che ogni anno giungono da fuori regione – ha sottolineato l’organizzatrice e ideatrice Maria Lampa – Il traguardo della decima edizione è frutto di una conquista graduale, passo dopo passo, anno dopo anno, resa possibile grazie anche al contributo di moltissime persone che hanno messo competenza, esperienza e tanto cuore per arrivare fin qui. Ognuno crea la propria fortuna, i successi non piovono dal cielo, ma si conquistano gradualmente’. Un tema, quello della conquista e realizzazione personale, che si è configurato quale stimolo ad un impegno quotidiano, che possa condurre al superamento di ostacoli e difficoltà, per approdare alla realizzazione del proprio traguardo. Che sia esso un diploma, una laurea, un ruolo sociale, una casa, la conquista della stima e della considerazione personale. Insomma l’imperativo è sempre uno: occorre impegnarsi con determinazione, sacrificio, costanza, ma anche fiducia, senza aspettarsi o pretendere che gli altri possano regalare quanto si desidera.

La conquista di ogni singola tappa, che porta ad avvicinarsi al proprio obiettivo, è già un successo che regala una sana e autentica soddisfazione, oltre alla carica per superare i successivi traguardi. Un percorso dove la positività e l’ottimismo giocano un ruolo chiave, conferendo forza e fiducia nelle proprie capacità. E’ questo il messaggio di chi ‘ce l’ha fatta’. La giornalista e scrittrice Asmae Dachan e l’imprenditrice Armanda Moriconi hanno sottolineato il tema della conquista personale in chiave femminile, un ambito nel quale ancora tante battaglie devono essere compiute per raggiungere una fattiva parità fra donna e uomo. Le campionesse mondiali Laura Marzocchini (pattinaggio artistico) e Veronica Papa (salto elastico), oltre all’affermato regista – autore televisivo – cantautore Mattia Toccaceli, hanno raccontato la loro storia, per testimoniare come sia possibile raggiungere i traguardi e vincere, grazie all’impegno e al sacrificio.

La giornata è stata allietata da diversi momenti musicali: il maestro Marco Santini si è esibito in un ensemble di archi, che ha spaziato dal repertorio classico a brani da lui stesso composti, mentre il cantautore osimano Silvano Staffolani e il musicista Lorenzo Cantori hanno portato un repertorio di brani popolari. Numerosi gli artisti che hanno esposto le loro opere: i pittori Aurelio Alabardi, Giuseppe Donghi , Giorgio Toccaceli e Palma Pellegrini. Presenti il disegnatore a china Gualtiero Biagi, lo scultore Nazareno Rocchetti e l’esperto di architettura artistica Giorgio Rocchegiani, con le sue sculture realizzate con i fiammiferi. Per le immagini sono intervenuti il reporter Franco Luchetti e la fotografa Onorina Lorenzetti. L’evento è stato anche l’occasione per tanti autori di genere letterario di farsi conoscere esponendo i loro libri in una cornice ricca di contaminazioni artistiche e culturali. L’evento è stato patrocinato dal Comune di Castelfidardo e dalla locale Pro Loco, dal Comune di Ancona, dalla Provincia di Ancona, dal Parco del Conero ed è stata sostenuta da numerose aziende ed enti.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X