facebook rss

Elezioni regionali - risultati in tempo reale

Hashish in casa, scatta l’arresto
«Fumo perché sono malato»
E il giudice lo libera

ANCONA - E' la storia sbarcata oggi in tribunale con protagonista un 41enne residente in una cittadina a sud di Ancona, relegato su una sedia a rotelle a causa di una malattia neurologica. Arrestato sabato dai carabinieri, è stato rimesso in libertà dopo aver sostenuto di fare uso di droghe per alleviare i dolori derivati dalla sua patologia
Print Friendly, PDF & Email

Il tribunale

 

«Non sono un pusher, sono io che faccio uso di droghe. Fumo per alleviare i dolori della mia malattia». Sono queste le parole che un 41enne ha rivolto ai carabinieri quando sabato mattina gli si sono presentati a casa per un controllo antidroga. Sospettavano di scovare uno spacciatore di marijuana e hashish, si sono invece trovati davanti un uomo relegato su una sedia a rotelle. È stato lui stesso a consegnare ai militari circa mezzo etto di hashish, la sostanza di cui fa uso quando i dolori diventano insopportabili. L’arresto per detenzione ai fini di spaccio è comunque avvenuto. Questa mattina, in tribunale, il giudice non lo ha convalidato. Ha ritenuto probabilmente attendibili le parole dette dal 41enne, difeso dall’avvocato Paolo Mengoni. Inoltre, durante la perquisizione domiciliare, gli investigatori non avevano trovato nè bilancini di precisione, nè materiale da taglio o necessario al confezionamento delle dosi. E così, l’arresto si è tramutato in denuncia a piede libero.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X