facebook rss

Furto al Tribunale di Sorveglianza,
scassinati i distributori automatici
Ladro ripreso dalle spycam

ANCONA - Il raid è stato compiuto ieri pomeriggio attorno alle 17.30, quando l'edificio era vuoto. Ad agire, secondo le immagini delle telecamere, sarebbe stato un ladro solitario armato di cacciavite e coperto da un cappuccio e da una sciarpa calata sul volto. Domenica erano finite nel mirino le macchinette della scuola media Pascoli
venerdì 23 Novembre 2018 - Ore 14:19
Print Friendly, PDF & Email

Il Tribunale di Sorveglianza

 

Ha aspettato che tutti i dipendenti uscissero dal palazzo per mettere in atto il suo piano. Che ha dato risultati scarsi. E’ un misero bottino fatto di spiccioli quello arraffato ieri pomeriggio da un ladro che è riuscito ad introdursi all’interno del Tribunale di Sorveglianza, al viale della Vittoria. L’uomo, incappucciato e con la sciarpa che gli copriva il volto, avrebbe agito da solo. L’allarme è stato lanciato questa mattina, dopo l’apertura del palazzo. Sul caso indagano i poliziotti. Il ladro ha agito attorno alle 17.30, quando l’edificio era vuoto. E’ plausibile pensare che il bandito abbia atteso l’uscita dei dipendenti e della guardia giurata in servizio per poter agire. Sarebbe riuscito ad entrare da un portone secondario, forzandolo appena con un cacciavite. E’ al piano terra che poi ha riutilizzato lo stesso arnese per scassinare un distributore di snack e una macchinetta del caffè. Per tutta la durata del blitz, il ladro è stato ripreso dal sistema di videosorveglianza. Dato il travisamento, però, è difficile risalire all’identità del malvivente, dotato anche di guanti. Il palazzo non sarebbe dotato di un sistema d’allarme, dunque solo questa mattina è stato ravvisato il segno tangibile del passaggio di un ladro. Le macchinette automatiche erano finite al centro di furto anche domenica sera, quando malviventi (o forse il solito bandito solitario) si sono introdotti nella scuola media Pascoli, nell’atrio dove ha sede la direzione.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X