facebook rss

Pozzo dell’orrore, indagato per omicidio
il fidanzatino della 15enne Cameyi

PORTO RECANATI – La procura lo aveva convocato per oggi per essere interrogato ma non si è presentato. Dalle indagini emerge che il giovane ha detto cose non vere e che era geloso e in passato aveva aggredito e minacciato la ragazza che sparì nel 2010. I suoi resti sono stati trovati a marzo
Print Friendly, PDF & Email

 

La zona degli scavi

 

di Gianluca Ginella

Pozzo dell’orrore, la procura ha indagato il fidanzato di Cameyi Mosammet per omicidio e occultamento di cadavere. Il giovane, bengalese, era stato convocato per oggi per essere interrogato ma non si è presentato. La procura aveva fatto richiesta alle autorità bengalesi di contattare il ragazzo, Monir Kazi.

Cameyi Mosammet

Non esistono comunque accordi tra Italia e Bangladesh. Al momento non si può sapere se in effetti sia stato notificato a Kazi l’invito a comparire. Comunque il procuratore Giovanni Giorgio e il sostituto Rosanna Buccini, in base a quanto sin qui emerso, contestano al ragazzo i reati di omicidio e occultamento di cadavere della 15enne bengalese.

Il medico legale Roberto Scendoni, a destra, sul pozzo dove sono state trovate le ossa

La ragazza era sparita il 29 maggio 2010. I suoi resti sono poi stati trovati il 28 marzo scorso in un pozzo e in un terreno vicino all’Hotel House di Porto Recanati. All’Hotel House viveva Kazi. Il giovane aveva detto di non aver visto la ragazza quel giorno. Ma le indagini svolte dalla Squadra mobile di Ancona lo smentiscono. Ci sono riprese alla stazione di Porto Recanati in cui si vede Cameyi in compagnia del fidanzatino. Inoltre il cellulare della 15enne è risultato essere acceso fino alle 12 di quel giorno e in quelle ore era a Porto Recanati. Poi il vuoto. Si sa che alle 15 Kazi ha avuto un malore ed è stato soccorso dalla Croce Azzurra. E’ inoltre emerso che era geloso e che in passato aveva aggredito e minacciato la 15enne. Le indagini sono però state limitate dal fatto che in base ai resti trovati di Cameyi non è possibile stabilire la causa della morte. Il procuratore auspica che chi sia in possesso di informazioni utili si presenti dai carabinieri, dalla polizia, Guarda di finanza o direttamente in procura per rendere noto quanto di sua conoscenza.

Articoli correlati

Sostieni Cronache Ancona

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Ancona lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Ca impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597
CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A
Intestatario: CM Comunicazione S.r.l
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page