facebook rss

Tragedia in discoteca, il premier Conte:
«1400 biglietti venduti
per una sala da 469 posti» (VIDEO)

VISITA - Il presidente del Consiglio ad Ancona parla al termine della riunione che si è tenuta questo pomeriggio in Prefettura per fare un primo punto sulle indagini relative alla tragedia avvenuta a Corinaldo
Print Friendly, PDF & Email

Il premier Conte all’arrivo in Prefettura

 

«Stando ai primi risconti, sembra siano stati venduti circa 1400 biglietti per una sola sala che ha 469 posti». Così il premier Giuseppe Conte al termine della riunione che si è tenuta questo pomeriggio in Prefettura ad Ancona  tra le forze dell’ordine per fare il punto sul dramma avvenuto questa notte a Corinaldo. «E’ una tragedia che vede il decesso del nostro bene più prezioso, dei nostri figli e anche di una mamma.  La magistratura è già al lavoro, ma bisogna subito porsi degli interrogativi perchè certe tragedie non si ripetano più. Voglio rivolgere un accurato appello al senso di responsabilità di coloro che gestiscono locali pubblici destinati ad accogliere anche un gran numero di persone. Devono accertare e rispettare tutte le condizioni di sicurezza. Non sto accusando nessuno, ma mi rivolgo al senso di responsabilità di coloro che gestiscono strutture del genere. Pare sia stata utilizzata solo una sala su tre, destinata ad accogliere 469 persone. Già con i numeri non ci siamo». Dopo la conclusione della riunione in Prefettura, Conte è andato in ospedale, a Torrette. «Le condizioni dei piccoli pazienti sono critiche. Il mio ringraziamento va a tutte le strutture sanitarie intervenute, perché hanno fatto un lavoro egregio e in modo efficiente hanno risposto tempestivamente. Se in questo momento hanno delle migliori chance di ristabilirsi,  è dovuto al tempestivo intervento dei soccorsi. Spero di tornare qui presto». Subito dopo il premier si è diretto all’ospedale di Torrette per far visita ai feriti ricoverati (GUARDA IL VIDEO)

(foto di Giusy Marinelli)

Sostieni Cronache Ancona

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Ancona lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Ca impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597
CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A
Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page