facebook rss

Bagarre Sala Gialla: protestano
5Stelle, Liste civiche
e Territorio e Comunità

OSIMO - Secondo i gruppi di minoranza, martedì nell'aula consiliare "la maggioranza ha abusato nuovamente della questione pregiudiziale, non permettendo la discussione di tutti e tre gli ordini del giorno presentati dalle opposizioni". Chiesti alla presidente Andreoni e al segretario comunale una vigilanza più stretta ma anche una presa di posizione sulla vicenda
giovedì 20 Dicembre 2018 - Ore 15:04
Print Friendly, PDF & Email

Da sinistra, David Monticelli, Fabio Pasquinelli e Antonio Scarponi

La maggioranza abusa nuovamente della questione pregiudiziale nel consiglio comunale del 18 dicembre scorso, non permettendo la discussione di tutti e tre gli ordini del giorno presentati dalle opposizioni, (in questo caso tre o.d.g. delle Liste Civiche). Un “triplete” stile Mourinho, ci verrebbe da dire”. Protestano i gruppi consiliari di opposizione della Sala Gialla, rappresentati da Movimento 5 Stelle Osimo, Liste Civiche e da Territorio e Comunità. Dopo il consiglio comunale di martedì sera, l’ultimo del 2018, animato da polemiche, insulti e accuse incrociate.

Sala Gialla la presidente Paola Andreoni con il segretario comunale Giulioni

“In qualità di forze politiche di minoranza esprimiamo la nostra profonda disapprovazione riguardo l’utilizzo sistematico della questione pregiudiziale operato dalla maggioranza per impedire la libera discussione nel parlamento cittadino. – spiegano per contto dei rispettivi i rispettivi gruppi, i consiglieri David Monticelli (M5S), Antonio Scarponi (liste civiche) e Fabio Pasquinelli (Territorio e Comunità) – Se la maggioranza non è d’accordo con le proposte delle opposizioni, ha a disposizione lo strumento del voto con cui bocciarle, ma non può impedire che esse vengano discusse, interpretando a proprio piacimento il regolamento del consiglio comunale. Avanti di questo passo l’arbitrio della maggioranza sarebbe assoluto e si potrebbe in teoria impedire la discussione di qualsiasi punto portato dalle minoranze reclamando una generica questione pregiudiziale, senza doverne dimostrare la fondatezza”.

Se dunque per le minoranze è stato chiaro “l’utilizzo ostruzionistico fatto dalla maggioranza in questa ed in altre occasioni in passato, (ma l’ostruzionismo è una prerogativa delle minoranze, non della maggioranza che ha sempre la possibilità di votare contro), è altrettanto chiaro che deve essere posto un limite alla possibilità di invocare la questione pregiudiziale quando questa è palesemente inesistente. – conclude la nota stampa a firma congiunta – Facciamo pertanto riferimento alle figure del presidente del consiglio comunale e del segretario comunale per richiedere una vigilanza e una presa di posizione su questa vicenda, per evitare che un simile sistematico abuso possa ripetersi e possa costituire un precedente su cui in futuro, qualsiasi forzatura antidemocratica tentata da qualsiasi forza politica, possa prendere spunto e giustificazione”.

Sala Gialla, l’ultima seduta del 2018 termina tra urla e insulti

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X