facebook rss

Container sospetti,
sequestrate oltre 40 tonnellate
di rifiuti speciali

ANCONA - L'ispezione ha portato alla luce quasi 2mila pannelli fotovoltaici/solari da smaltire e diretti in Mauritania e senza adeguata certificazione
lunedì 14 Gennaio 2019 - Ore 12:51
Print Friendly, PDF & Email

La foto del sequestro

 

Quasi duemila pannelli fotovoltaici/solari sequestrati al porto di Ancona. A guidare l’operazione i carabinieri del Noe ed il personale dell’agenzia delle dogane. Il materiale classificato come Raee (rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche), viaggiava a bordo di due container, privo delle prescritte certificazioni previste dalle normative nazionali e comunitarie. Le 40 tonnellate di rifiuti, classificati come “speciali”, accatastati all’interno dei container fino a sfruttare tutti gli spazi disponibili erano pronti per essere spediti presso lo stato della Mauritania (Nord Africa). Sequestrati i pannelli, è stato denunciato un cittadino di nazionalità belga, amministratore unico della società committente della spedizione transfrontaliera della merce.
Il traffico di rifiuti pericolosi, sottolineano dal Noe di Ancona, viene considerato dalle organizzazioni criminali poco rischioso in termini di pene previste ma altamente remunerativo. Il malaffare è agevolato dalle differenti legislazioni vigenti nei vari paesi e spesso, le organizzazioni dedite al traffico sono le stesse che si occupano di altri gravi reati.
«In questo caso − si legge in una nota −, l’attento e scrupoloso operato del personale dell’agenzia delle dogane (che ha utilizzato anche un efficiente e sofisticato scanner in loro dotazione) in sinergia con il personale specializzato nella prevenzione e repressione dei reati in materia ambientale del nucleo operativo ecologico carabinieri, ha consentito i risultati odierni. I successivi accertamenti e le ulteriori indagini verranno condotte dalla competente procura della Repubblica di Ancona che dopo avere convalidato l’esecuzione del sequestro ne ha assunto la direzione».

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X