facebook rss

Arresto cardiaco in tribunale,
avvocato rianimato

MACERATA - Bruno Pettinari, legale tra l'altro di nonna Peppina, si è sentito male questa mattina mentre era al bar del palazzo di giustizia. Una collega e un carabiniere gli hanno fatto il massaggio cardiaco, poi gli operatori del 118 lo hanno rianimato
Print Friendly, PDF & Email

Il bar del tribunale di Macerata

 

di Gianluca Ginella

Avvocato ha un arresto cardiaco mentre si trova al bar del tribunale di Macerata, rianimato è stato portato in ospedale. È successo alle 9,45 circa di questa mattina. È allora che l’avvocato Bruno Pettinari di Camerino si trovava al bar del tribunale, ha scambiato due chiacchiere con un collega, gli ha offerto un caffè e pochi secondi dopo si è accasciato a terra. Un infarto, probabilmente. Immediati i soccorsi. I primi a praticare un massaggio cardiaco al legale sono stati l’avvocato Simona Nasso e un carabiniere del Nucleo ispettorato del lavoro di Macerata. Tempestivo l’intervento degli operatori del 118 che con il defibrillatore lo hanno rianimato. Una scena choc, con il bar che è stato chiuso mentre all’interno per circa 45 minuti, gli operatori hanno cercato di rianimare Pettinari. Ci sono riusciti ed è stato portato in ospedale nel reparto di Emodinamica. Pettinari, oltre ad essere il legale di nonna Peppina, l’anziana divenuta suo malgrado simbolo del terremoto, si era anche candidato alle ultime elezioni politiche con Liberi e Uguali.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X