facebook rss

‘Premio Pettirosso’,
Gino Strada:
“I migranti vanno accolti”

ARCEVIA - Al Teatro Misa di Arcevia, sabato scorso, Arcevia ha consegnato il riconoscimento al medico chirurgo, fondatore di Emergency
Print Friendly, PDF & Email

Gino Strada sul palco del teatro di Arcevia

Sabato scorso, 19 gennaio, è stata una giornata indimenticabile per il Comune di Arcevia. Al Teatro Misa di Arcevia, colmo di gente entusiasta, si è svolto l’incontro con un uomo straordinario, Gino Strada, fondatore di Emergency. Dopo la proiezione di uno splendido documentario che testimonia l’attività di Emergency in Sudan, Gino Strada è stato intervistato dall’attrice Valenle prospettive future. Egli ha voluto sottolineare come gli scenari di guerra siano complessi e come ci sia il bisogno e il dovere di accogliere i migranti che fuggono da situazioni drammatiche. Poi ha ricevuto il premio Pettirosso per aver realizzato il suo sogno, aiutare le vittime della guerra e della fame, in modo neutrale e scientifico, attraverso la sua attivita’ di chirurgo.

Il sindaco di Arcevia, Andrea Bomprezzi, intervenuto alla fine della manifestazione, ha stretto la mano a Gino Strada e ha ricordato come Arcevia nel suo piccolo stia realizzando da anni una serie di progetti di integrazione tra migranti e comunità. Ha voluto infine ricordare la proverbiale ospitalità ed accoglienza della città montana, dagli sfollati della seconda guerra mondiale ai bosniaci degli anni ‘90, ai migranti che fuggono dalla fame e dalle guerre e persecuzioni di questi anni. Non è un caso che Gino Strada sia stato premiato in uno dei Comuni delle aree interne appenniniche. Qui ancora si possono sviluppare progetti alternativi, di comunità, in silenzio e con grande determinazione. “Da qui bisogna ripartire per costruire una nuova immagine dell’Italia, che ritorni alla sua antica umanità, figlia delle radici contadine, terra di solidarietà e di integrazione. – ha sottolineato il sindaco Bomprezzi – Un ringraziamento speciale infine va allo staff di Animavì, in particolare a Mattia Priori e Silvia Carbone, per aver organizzato in modo impeccabile, un evento unico e di qualità”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X