facebook rss

Aggredisce esercente e carabiniere,
in tasca aveva un bisturi: arrestato

IN MANETTE - L'episodio è avvenuto a Fermo. Si tratta di un giovane sulla trentina che dovrà rispondere di resistenza e violenza a pubblico ufficiale, porto abusivo di arma bianca e lesioni aggravate. I militari dell'Arma hanno denunciato anche un secondo ragazzo
Print Friendly, PDF & Email

 

Nel corso della nottata appena trascorsa una pattuglia dei carabinieri del Nucleo radiomobile del Norm della compagnia carabinieri di Fermo, è intervenuta nei pressi di un pubblico esercizio a Fermo, in piazza, a seguito di una segnalazione di disturbi causati da giovani in stato di ubriachezza.

«Appena arrivati sul posto, i militari dell’Arma – spiegano i carabinieri – hanno interrotto l’aggressione da parte di un giovane nei confronti di un esercente. Il ragazzo, già noto alle forze dell’ordine, tossicodipendente del luogo, a quel punto, ha iniziato ad inveire e ad aggredire con calci pugni il carabiniere caposervizio, insieme a un suo amico che subito dopo si è dileguato per le vie del centro storico. Il giovane è stato così dichiarato in stato di arresto per la resistenza e violenza a pubblico ufficiale. Nel corso della perquisizione gli è stato rinvenuto addosso un bisturi. Il ragazzo in stato di arresto sarà processato per direttissima nella mattinata di domani al tribunale di Fermo. Il caposervizio visitato dai sanitari dell’ospedale di Fermo non ha riportato gravi lesioni. L’altro giovane che è stato identificato è stato denunciato alla procura della repubblica di fermo per i medesimi reati».

(redazione CF)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X