facebook rss

Ladri in trasferta per depredare
King Sport: arrestati in tre

SENIGALLIA - E' successo sabato nel negozio di via Abbagnano da cui una banda di romeni residente a Rimini aveva cercato di rubare piumini, guanti, cappelli e zaini. Presi dai carabinieri all'uscita
Print Friendly, PDF & Email

 

Spesa a scrocco rubando zaini, piumini, guanti da sci e cappelli: presa banda di ladri romeni. Il gruppo, composto da un 44enne, 37enne e 31enne – tutti residenti a Rimini – sono stati braccati sabato sera all’uscita da King Sport di via Abbagnano. Era stata una cliente a segnalare al 112 la presenza di tre persone sospette. I militari, in borghese, si sono appostati nei pressi dell’ingresso dove hanno notato subito la presenza di un uomo robusto, con ai piedi scarpe da ginnastica di colore rosso, che si guardava continuamente attorno indirizzando lo sguardo all’interno del negozio. Tale atteggiamento ha insospettito molto i militari che hanno ritenuto fosse il “palo” di una possibile banda dedita ai furti. Infatti, dopo alcuni minuti dal negozio usciva un altro soggetto, che dopo aver scambiato qualche parola proprio con l’individuo con le scarpe rosse, si allontanava in direzione del parcheggio raggiungendo una Chevrolet con targa tedesca e dopo essere salito al posto di guida rimaneva in attesa con il motore acceso. I carabinieri a quel punto decidevano di spostare l’osservazione proprio sulla vettura. Ed infatti subito dopo hanno visto arrivare a passo spedito il soggetto con le scarpe rosse e un altro giovane con uno zaino rigonfio. Gli stessi entravano nell’auto che tentava di ripartire subito, ma i militari a bordo di due auto “civette” prontamente bloccavano la via di fuga. L’immediata perquisizione consentiva di rinvenire nell’abitacolo lo zaino che conteneva tre paia di guanti imbottiti da neve marca Colmar, un piumino e un pantalone imbottito da donna marca Colmar e due cappelli di lana Barts.  La visione delle telecamere ha consentito di accertare che i tre avevano staccato le placche anti-taccheggio ed avevano nascosto i capi all’interno di uno zaino anch’esso prelevato dallo stesso negozio e dal quale era stata la placca antitaccheggio. Poi, approfittando della calca di gente in fila alle casse per i saldi, si erano velocemente avviati verso l’uscita, facendo passare lo zaino nello spazio tra le barriere antifurto e la porta in modo da non far suonare il cicalino di allarme. I tre stranieri sono stati arrestati per il reato di concorso in furto, aggravato dalla violenza sulle cose, dalla destrezza e dal numero di partecipanti al reato. I tre hanno trascorso le notti di sabato e domenica nelle camere di sicurezza della caserma di Via Marchetti. Questa mattina il tribunale di Ancona ha convalidato l’arresto ed al termine dell’udienza ha applicato ai tre imputati la misura cautelare dell’obbligo di dimora fino alla data della prossima udienza fissata l’8 marzo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X