facebook rss

Popolazione in crescita,
crollano le nascite ed
aumentano gli ultracentenari

ANCONA – Il numero dei residenti della città supera le 101mila unità nel 2018, ma si registra un progressivo invecchiamento degli abitanti. Crescono le famiglie con un unico componente. Convivenze ed unioni civili scalzano i matrimoni. La fotografia dell'andamento anagrafico dorico scattata dagli uffici comunali
Print Friendly, PDF & Email

Ancona (foto d’archivio)

 

Aumenta la popolazione di Ancona e nel 2018 supera le 101mila persone. Si conferma l’età media delle donne a 49 anni nel 2018 e parallelamente cresce quella degli uomini, che passa dai 44 del 2017 ai 45 del 2018. Cala sensibilmente il numero dei nati totali, che a fine 2018 erano 646, così come in diminuzione è il trend dei matrimoni e, se ci si sposa, lo si fa soprattutto con rito civile. Di contro, aumentano convivenze e unioni civili e sono sempre di più le famiglie composte da un solo membro. È questa la fotografia di Ancona scattata il primo gennaio 2019 dalla direzione Scales (ovvero dal lavoro sinergico di Ufficio Anagrafe, Stato Civile, Statistica) del Comune.
Nel dettaglio, gli anconetani si sono assestati nel 2018 sulle 101.042 unità, in aumento rispetto alle 100.921 del 2017.
Sono sempre più numerose le donne rispetto agli uomini, anche se per questi ultimi si ravvisa una decisa crescita, passando dai 48.125 nel 2016 ai 48.558 del 2018. Le donne, invece, scendono dalle 52.576 unità nel 2017 alle 52.484 del 2018.
In linea con il trend nazionale, inoltre, aumenta l’età media nel territorio, attestandosi nel 2018 a 45 anni per gli uomini e a 49 per le donne.
Aumentano inoltre gli ultracentenari, passati dai 16 del 2016 ai 35 del 2017, fino ad arrivare ai 39 del 2018.
Ma se da una parte si diventa sempre più longevi, dall’altra si registra una costante diminuzione delle nascite, confermata anche nel 2018. In cinque anni, Ancona registra 100 nati in meno: erano 747 del 2013, mentre sono scesi a 646 nel 2018, dei quali 500 italiani e 146 stranieri.
Il saldo naturale tra morti e nati, è sempre negativo (– 441) e questo conferma il progressivo invecchiamento della popolazione, fenomeno che non tocca soltanto Ancona ma la maggior parte delle realtà italiane.

I matrimoni – Diminuiscono leggermente i matrimoni (alla fine del 2018 erano 245 contro i 256 del 2017) e prevale il rito civile: nel 2018 sono stati 145 (nel 2017 erano 158), mentre si sono sposate in chiesa 100 coppie (98 nel 2017). Aumentano invece in maniera consistente le unioni civili, passate dalle 12 del 2017 alle 56 del 2018, e le convivenze di fatto passate dalle 14 del 2017 alle 27 del 2018.

Le famiglie – Continua il trend di crescita del numero delle famiglie, fatto manifestatosi già lo scorso anno e principalmente dovuto all’aumento delle famiglie con un unico componente. Nel dettaglio, il numero delle famiglie si assesta alla fine del 2018 su 47.260 unità e le più numerose sono quelle composte da un singolo individuo (19.383), seguite da quelle formate da due componenti (12.702). Fa da contraltare a questo dato l’aumento delle famiglie numerose, ad esempio quelle composte da sei membri, che raggiungono quota 373. Sono invece 113 quelle da 7 componenti, 38 da 8 componenti, 15 da 9 componenti e 11 in tutto quelle che hanno da 10 componenti in su.

Comunità straniere – Gli stranieri residenti in città sono 14.026.
La comunità più rappresentata continua ad essere quella rumena, che incrementa ancora di più la propria presenza passando dai 2.573 del 2017 alle 2.701 unità del 2018. Stesso trend anche per gli originari del Bangladesh che passano dai 1.621 del 2017 ai 1.780 del 2018, e per gli albanesi (dai 1.399 del 2017 ai 1.425 del 2018).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X