facebook rss

Antenne per la telefonia,
tre appuntamenti con i cittadini
per elaborare il regolamento

FALCONARA - Si parte il 7 febbraio alle 17.30 da Palombina Vecchia. Il secondo appuntamento sempre il 7 febbraio alle 21 a Castelferretti, per finire l’8 febbraio al Centro Pergoli. Saranno sempre presenti gli assessori ad Ambiente ed urbanistica, Barchiesi e Rossi, e la ditta incaricata dall’amministrazione per l’elaborazione del documento
Print Friendly, PDF & Email

L’assessore all’Ambiente del Comune di Falconara Valentina Barchiesi

 

Sarà presentata ai cittadini con tre assemblee pubbliche, che si svolgeranno a Castelferretti, Palombina Vecchia e Falconara centro, la bozza del “Regolamento comunale per la localizzazione degli impianti radioelettrici”, fatta predisporre dal Comune per stabilire in quali aree del territorio falconarese sarà possibile installare nuove antenne.

Il primo appuntamento è per giovedì 7 febbraio alle 17.30 nella sede del Cral di Palombina Vecchia (Circolo ricreativo autonomo lavoratori), in via Palombina Vecchia 9. Il secondo, sempre giovedì 7 febbraio, è stato organizzato per le 21 nell’oratorio della parrocchia di Sant’Andrea a Castelferretti. Il ciclo di incontri si chiuderà venerdì 8 febbraio alle 18 al Centro Pergoli a Falconara. A tutti gli incontri parteciperanno gli assessori Valentina Barchiesi e Clemente Rossi, con deleghe rispettivamente all’Ambiente e all’Urbanistica, insieme ai tecnici comunali. Il documento sarà illustrato dall’ingegner Massimo Brait della ditta Sinpro Ambiente, incaricata dall’amministrazione per l’elaborazione del regolamento. La bozza di regolamento, con la mappa dei siti idonei, è il frutto di un confronto nelle commissioni consiliari Ambiente e Urbanistica, preceduto da incontri con le associazioni del territorio. Le aree individuate per le nuove installazioni sono di proprietà pubblica e sono distribuite su tutto il territorio. Sono state individuate per rispondere a una duplice esigenza: garantire la copertura del servizio dove c’è una reale esigenza e al tempo stesso preservare alcuni siti sensibili dove si concentra la presenza di persone. Durante le assemblee i cittadini avranno la possibilità di prendere visione di tutte le aree e fare osservazioni e proposte. L’adozione da parte dell’amministrazione comunale di uno strumento che consenta di pianificare i nuovi insediamenti permetterà di esercitare un controllo sull’attività dei gestori, che altrimenti avrebbero maggiore libertà nella scelta del sito in cui installare gli impianti, rivolgendosi anche ai privati. Il regolamento ha come obiettivo il corretto insediamento urbanistico e territoriale degli impianti, affinché venga minimizzata l’esposizione della popolazione ai campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici, come prevede il principio di precauzione. Il documento, attraverso divieti o limitazioni, mira a tutelare la salute pubblica, ma anche l’ambiente e il paesaggio e a salvaguardare zone o siti di particolare interesse pubblico, sociosanitario, storico-architettonico. La stesura del regolamento è avvenuta attraverso un percorso partecipato, che ha tenuto conto delle esigenze dell’amministrazione e dei programmi di sviluppo della rete per la telefonia mobile dei gestori. Il documento offre indicazioni precise anche sulla tipologia dell’infrastruttura.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X