facebook rss

Vuole dormire in ospedale
credendosi Rambo e aggredisce la polizia,
denunciato 58enne

ANCONA - Dopo aver fronteggiato persone che si credevano eroi mascherati, da Spiderman a Batman e Wolverine, questa volta gli agenti delle Volanti hanno dovuto bloccare l'uomo che credendosi "Rambo" ha opposto resistenza ai poliziotti che tentavano di allontanarlo dalla struttura sanitaria
lunedì 4 Marzo 2019 - Ore 13:48
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

 

Dopo coloro che si spacciavano per supereroi mascherati, i poliziotti questa volta hanno dovuto fronteggiare un uomo di 58 anni, già noto alle forze dell’ordine, che si credeva Rambo. È accaduto nella notte, intorno alle 00.30, all’ospedale regionale di Torrette dove era stato segnalato un individuo che voleva insistentemente entrare asserendo di voler trascorrere la notte nella struttura sanitaria. Immediato l’intervento delle Volanti di Ancon che hanno proceduto all’identificazione dell’uomo, originario di Crotone con precedenti di polizia per reati contro il patrimonio e contro la persona. Il 58enne ha iniziato ad inveire contro gli agenti, dichiarando: «Io faccio come mi pare sono Rambo, se non mi lasciate in pace vi spacco la faccia». Gli agenti sono stati perciò costretti a contenere con tecniche di autodifesa l’uomo, il quale, continuando nel suo atteggiamento ostile, tentava goffamente di colpirli con uno schiaffo ed un calcio.

L’uomo, accompagnato in Questura, è stato denunciato all’autorità giudiziaria per il reato di resistenza a pubblico ufficiale. Così dopo i soggetti che si ispiravano a Batman, Spiderman e Wolverine, questa volta gli agenti della Questura di Ancona hanno dovuto pazientemente confrontarsi con “Rambo”, spiegandogli che l’ospedale non è un albergo e farlo tornare alla realtà.

Ancora un supereroe in città, al porto spunta Spiderman: «Ho finito le ragnatele»

Cappuccio in testa, felpa nera: “Io sono Batman”: 29enne denunciato per ubriachezza molesta

La polizia lo trova con l’hashish: “Wolverine mi ha dato la droga”, 23enne denunciato

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X