facebook rss

Elezioni regionali - risultati in tempo reale

Stupro e tentata rapina a Vallemiano,
pusher assolto e scarcerato
Verrà espulso

ANCONA - Si tratta del 36enne ghanese arrestato la mattina del 16 giugno 2018 in via Paolucci dove - dice l'accusa - aver abusato di una nordafricana che era andata da lui per comprare eroina. Il collegio penale lo ha condannato solo per il reato di spaccio. Dopo quasi un anno uscirà dal carcere di Pesaro. Il giudice ha dato il nulla osta per il rimpatrio
Print Friendly, PDF & Email

Il rifugio di disperati e sbandati del viadotto di via Paolucci a Vallemiano

 

Era stato arrestato dai carabinieri dopo le urla lanciate da una donna di origine nordafricana la mattina del 16 giugno 2018. «Aiutatemi, aiutami, mi sta violentando» aveva detto la donna, sollecitando prima i residenti del quartiere Vallemiano, poi i militari. Le manette per un ghanese di 36 anni irregolare sul territorio erano scattate per violenza sessuale, tentata rapina e spaccio di droga. Reati che l’avevano spedito in carcere in attesa del processo. Questa mattina, il collegio penale ha fatto cadere tre contestazioni su tre. L’uomo, difeso dall’avvocato Paolo Cognini, è stato assolto dall’accusa di violenza sessuale e rapina. La condanna è arrivata per lo spaccio: due anni di reclusione. I giudici hanno anche decretato la revoca della misura cautelare del carcere. Il 36enne è stato rimesso in libertà con l’obbligo di dimora ad Ancona. La misura verrà mantenuta fino a che non verranno sbrigate le pratiche per l’espulsione. Le motivazioni della sentenza si potranno leggere tra 90 giorni. Oggi, prima della camera di consiglio, ha testimoniato la presunta vittima. La donna, che non si è costituita parte civile, era andata dal 36enne per comprare eroina. L’uomo, stando a quanto emerso, era solito appoggiarsi in una sorta di baraccopoli in via Paolucci, sotto il ponte dell’asse. Lei aveva pagato 20 euro per avere eroina e consumarla insieme al pusher. Poi, secondo l’ipotesi accusatoria, l’imputato aveva tentato di rapinare la cliente, vedendo che nel portafoglio aveva altri soldi oltre ai 20 euro già incassati. Di lì, una prima aggressione, poi i presunti abusi sessuali nella boscaglia di via Paolucci, da sempre smentiti dall’imputato. Erano state le urla della donna a far scattare la mobilitazione dei residenti, del 118 e dei carabinieri del Norm. La donna era stata portata al pronto soccorso dalla Croce Rossa. Il ghanese ha rigettato in ogni momento le accuse mosse dalla nordafricana, affermando di essere stato lui la vittima di una tentata rapina. Sarebbe stata la cliente a pretendere i soldi dal pusher. Mai avrebbe cercato di abusare di lei.

Tentato stupro a Vallemiano, i residenti bloccano l’aggressore Arrestato un 35enne

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X