facebook rss

Elezioni regionali - risultati in tempo reale

Da in escandescenze dentro un circolo,
arrestato un 31enne

SENIGALLIA - Nei confronti del 31enne sono scattate le manette per violenza, oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale.
Print Friendly, PDF & Email

I Carabinieri di Senigallia

 

I Carabinieri della Compagnia di Senigallia hanno arrestato un uomo per violenza, oltraggio, resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato. Si tratta di un trentunenne di Senigallia.
Intorno alle 23, la pattuglia del Nucleo Radiomobile di Senigallia è intervenuta in località Vallone, nel Comune di Senigallia, dove era stata segnalata la presenza di un uomo in stato di ubriachezza che all’interno del circolo sociale “del Vallone”, stava disturbando i presenti e minacciando il gestore che, visto il suo stato, aveva rifiutato di somministrargli altre bevande. Giunti sul posto, i Carabinieri si sono avvicinati all’uomo che si era seduto davanti al bancone di mescita impedendo ogni ulteriore attività e lo hanno invitato a fornire le proprie generalità o un documento di identità, ma lo stesso di pronta risposta e con tono minaccioso e ostile si è rifiutato ripetutamente, apostrofando i militari con parole ingiuriose ed intimidatorie. I Carabinieri, constatato che l’uomo era in evidente stato di ubriachezza molesta e considerato che non si calmava, lo hanno invitato a salire sull’auto di servizio per accompagnarlo in caserma. Il 31enne a quel punto ha opposto viva resistenza calciando contro l’auto ed ha tentato più volte di svincolarsi con spintoni e strattonamenti nei confronti dei due carabinieri di pattuglia. Dopo diversi inviti non accolti, l’esagitato è stato bloccato e fatto salire in auto. Durante il tragitto in caserma ha continuato a minacciare i due militari rifiutando di fornire le proprie generalità.
Pertanto i militari sono stati costretti ad identificarlo sottoponendolo alle operazioni di fotosegnalamento. Il trentunenne è stato dichiarato in stato di arresto per i reati di violenza, oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale. Inoltre per i danni cagionati alla parte esterna della carrozzeria dell’autoradio militare, lo stesso è stato deferito anche per danneggiamento aggravato.
L’uomo ha trascorso la notte nella camera di sicurezza della Caserma di via Marchetti. Questa mattina il Tribunale di Ancona ha convalidato l’arresto rinviando il processo al 5 luglio prossimo. Nei confronti
dell’imputato non sono state applicate misure cautelari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X